Tagmelanzane

Melanzane in saor

melanzane in saor

Il saor è una parola veneziana ma usata anche in altri luoghi veneti come qui a Verona, e significa sapore. In questo caso il sapore grintoso è dato dall’aceto, famose sono le sarde in saor piatto tipico veneziano, ma si può usare la stessa procedura di preparazione anche per altri ingredienti come nel caso della ricetta di oggi delle melanzane in saor

Questo modo di cucinare avrà sicuramente origini molto antiche quando l’aceto veniva usato per ottenere una maggiore conservazione degli alimenti dato che non erano così fortunati da avere il frigorifero.

È un metodo che comunque si trova in varie regioni d’Italia e probabilmente nel mondo e con nomi ovviamente diversi, tipo scapece nel meridione e carpione in zona lombarda, gli ingredienti di base sono sempre cipolle e aceto da sistemare a strati con il pesce o con altre verdure come in questo caso.

La ricetta l’ho presa dal bel libro di Slow food – L’orto in cucina

Melanzane in saor

Ingredienti per 4

2 grosse melanzane

2 cipolle bianche

2 foglie di alloro

2 chiodi di garofano

2 cucchiai di pinoli

50 g di uvetta passa

mezzo bicchiere di aceto bianco

olio extrav. sale e pepe

Preparazione

Lavate le melanzane e tagliatele a fette spesse di circa 1 cm.

Scaldate il forno a 180 gradi, e mettete in ammollo l’uvetta passa.

Mettete tutte le fette sulla teglia spennellatele con l’olio, un pizzico di sale e cuocete per circa 15 minuti o fino a quando appariranno dorate.

Nel frattempo affettate le cipolle, rosolatele con un po’ d’olio poi versate l’aceto e le spezie con l’alloro, cuocete con coperchio 15 minuti.

Spegnete e aggiungete i pinoli e l’uvetta passa scolata.

In un piatto da portata fate degli strati con melanzane e il saor di cipolle e un filo d’olio. Concludete con le cipolle.

Coprite con coperchio o della pellicola e lasciate a insaporire 24 ore in frigorifero.

Togliete dal frigorifero un’ora prima di servire.

melanzane in saor

Polpette melanzane e zucchine con caciotta

Polpette melanzane e zucchine

Le polpette sono una pietanza sfiziosa e simpatica, piacciono a grandi e piccoli. In questo caso ne ho fatta una variante vegetariana, Polpette melanzane e zucchine con caciotta.

Si prestano ad essere fritte, al forno e anche con sughetto.

Le più diffuse sono quelle di carne, preparate con carne tritata, aromi  uova e pane grattugiato o mollica ma quelle vegetariane non hanno niente da invidiare.

Ho usato zucchine, melanzane e formaggio morbido semi stagionato, abbinando poi una crema di patate con salsa al basilico dove intingere ogni polpetta.

Polpette melanzane e zucchine con caciotta

Ingredienti

250 g di zucchine piccole

200 g di melanzana

200 di caciotta morbida

2 uova

10 cucchiai circa di pangrattato

6 – 7 fette biscottate integrali

1 patata di pasta bianca (no gialle, hanno troppo amido e frullandole diventano collose)

2 cucchiai di panna acida o in alternativa burro fuso

qualche cucchiaio di latte

un mazzetto di basilico

50 g di semi di girasole

un piccolissimo spicchio di aglio

Preparazione

Lavate le zucchine e le melanzane, tagliatele grossolanamente e frullatele con la caciotta e le erbe aromatiche fino ad ottenere un trito fino, ma non troppo, non devono essere purea.

Mettete la verdura in una terrina e amalgamate le uova, aggiungete un cucchiaio alla volta di pangrattato fino a che il composto risulterà umido (tipo sabbia bagnata), ma non appiccicoso, riuscendo così a farne una pallina, ne sono serviti circa 10 cucchiai.

Frullate le fette biscottate fino a renderle polvere e rotolateci dentro le palline di verdura.

Stendete un foglio di carta forno nella teglia di cottura e ungetelo leggermente con olio, disponete le polpette, irroratele con un filo d’olio e infornate a 200° gradi per circa 20 minuti.

Preparate la crema di patata frullandola con la panna acida, diluendola con un poco di latte.

Frullate i semi di girasole con un cucchiaio di olio e l’aglio, quando il tutto sarà cremoso aggiungete anche le foglie di basilico con altro olio per favorire lo sminuzzamento.

Mettete la salsa di basilico in un bicchiere e diluitela a piacere con altro olio fino a renderla fluida.

Suddividete la crema di patate in ciotole tante quanti sono i commensali da servire. Ognuno potrà condire la crema di patate con la salsa al basilico per intingere le polpette.

Polpette melanzane e zucchine

Melanzane ai pomodorini confit e scaglie di formaggio

Melanzane ai pomodorini confit

Un antipasto o contorno facile a base di melanzane ai pomodorini confit. Una semplice ricetta dove le melanzane assumono l’aspetto di bruschette.

Sono buone calde ma anche a temperatura ambiente, quindi fatene pure in più, in un momento di buco allo stomaco saranno molto apprezzate.

Melanzane ai pomodorini confit

Ingredienti per 8 bruschette

2 melanzane rotonde

300 gr di pomodorini datteri o ciliegini

un mazzetto di prezzemolo

50 gr di formaggio di capra stagionato (o altro a piacere)

un cucchiaino delle seguenti spezie: semi di finocchio, semi di coriandolo, origano secco

un cucchiaino di zucchero

Preparazione 

Lavate i pomodorini e tagliateli a metà, tritate con il macinacaffè le spezie fino a renderle polvere.

Mischiate bene le spezie con il sale e lo zucchero, sistemate i pomodorini su una teglia da forno con il taglio verso l’alto, e spolverateli con il mix. Infornate a 200 gradi per circa 30 minuti, o fino a che li vedrete raggrinzirsi.

Mettete a scaldare bene la bistecchiera o la piastra che usate solitamente per grigliare. Tagliate ogni melanzana a fette delle spessore di 1 cm e 1/2 (circa) e fatele cuocere per 3 – 4 minuti su i due lati premendole un po’ con la forchetta.

Sistematele su un piatto di portata e spennellatele con olio, triturate finemente il prezzemolo e distribuite sulle fette con un pizzico di sale. Riducete a scaglie il formaggio e poggiatelo con i pomodorini sfornati su ogni fetta.

Un ultimo filo d’olio se lo ritenete opportuno e servite. Sono buone anche a temperatura ambiente. Anzi vi consiglio di prepararne in doppia dose, saranno uno spuntino perfetto.

Melanzane ai pomodorini confit

Filetto di melanzana

Filetto di melanzana

Siamo ancora nella stagione delle melanzane e vi vorrei consigliare questa ricetta molto originale che ho fatto qualche anno fa, ve la ripropongo cosí vi fosse sfuggita la potete provare,Filetto di melanzana.

Quando ho visto questa ricetta mi son leccata i baffi …. solo virtuali ehhh .
Ho pensato che era troppo golosa per non metterla nella lista delle ricette urgenti.

L’ho giá fatta piú volte capitando di farla per cena quando di pensare a fotografare é decisamente fuori discussione, quindi stavolta l’ho preparata nel pomeriggio pensando che potevo fotografare e avere anche il contorno pronto per la cena…… invece é finita per diventare la merenda accompagnata da una fetta di torta al formaggio di Perugia e alla cena di non arrivarci per niente …. cose da foodblogger!!!

Filetto di melanzana

Ingredienti per 2 :  2 piccole melanzane, salsa di soia tamari ( a basso contenuto di sale e bio) 2 cucchiaini di miele, olio q.b.

Preparazione : lavare le melanzane e  tagliare da ciascuna 2 parallelepipedo ( o come li chiamo io, 2 cubi rettangolari) livellando quindi le tutte le curve della melanzana. Versare in un piatto fondo qualche cucchiaio di tamari e rigirarci ben bene su tutti i lati ogni pezzo.

Su fuoco medio alto scaldate una padella antiaderente e rigirate su tutti  i lati le melanzane versando ancora un po’ di salsa di soia se fosse troppo asciutto il fondo della padella fino a che saranno belle brunite. Togliete dal fuoco e aggiungete ora il miele e un filo d’olio regolando con qualche goccia ancora di tamari se si fosse completamente consumata.

Continuate la cottura finché le vedrete belle colorate (5 / 6 minuti circa)

Filetto di melanzana

Melanzane gratinate ripiene al forno

melanzane ripiene

Melanzane gratinate

Leggevo il post di Luna riguardo a come simpaticamente in una serata con ospiti a cena cogliendo una parola sí e l’altra no entrando e uscendo dalla cucina abbia dato vita ad una conversazione un po’ surreale e allo stesso tempo comica rendendosi conto solo alla fine della serata di quanto si era spinta inconsapevolmente oltre.

Ma oltre al simpatico racconto ho apprezzato anche la sua ricetta di melanzane al forno che ho felicemente replicato, se avete dei tempi ridotti le si possono anche preparare in anticipo grigliandole per poi proseguire la ricetta il giorno dopo .

Queste Melanzane gratinate sono decisamente un contorno molto gustoso, ho solo apportato leggere varianti per adattarle a quello che avevo in casa.

melanzane al forno

Melanzane gratinate

Ingredienti per 4 persone

due grandi melanzane viola oblunghe

un mazzetto di prezzemolo, basilico, erba cipollina e qualche foglia di menta

150 gr. di pane secco grattugiato

un pomodoro dalla polpa soda tipo cuore di bue o peretto, in quest’ultimo caso usatene due

2 cucchiai di olive taggiasche sott’olio tritate molto grossolanamente

uno spicchietto di aglio

olio extrav. oliva

sale q.b.

 

Preparazione

Tagliate a rondelle le melanzane all’incirca di 1 cm. e grigliatele su tutti e due i lati.

Tritate finemente tutti gli odori compreso l’aglio.

Fate a cubetti il pomodoro, aggiungete le olive un paio di cucchiai di olio il trito di odori e mescolate con il pan grattato che dovrá risultare umido ( eventualmente versate ancora un goccio d’olio) Tenete da parte un po’ del composto per spolverizzare le melanzane prima di infornarle.

Mettete un po’ del ripieno al centro di ogni melanzana e girate i due lati verso il centro sovrapponendoli, infilatene 3 con uno spiedino se volete ottenere degli spiedini, oppure piú semplicemente ( specialmente se le melanzane tendessero a rompersi) piegatele a metá.

Sistematele sulla teglia del forno spolverizzatele con un po’ del composto e infornate a 200 gradi 10 minuti o poco piú.

Melanzane gratinate

Enjoy this blog? Please spread the word :)