Taguova

Pastina in brodo all’uovo e parmigiano

Pastina in brodo all'uovo

Pastina in brodo all'uovo e parmigiano

 

Oggi faccio un amarcord,  mamma quando ero piccola, ma anche da grande a dir il vero 🙂 specialmente in inverno faceva spesso il bollito e quindi poi di conseguenza si aveva a disposizione  il brodo di pollo e carne.

Io non lo amavo particolarmente e cercavo sempre una scusa per snobbarlo, i brodi trasparenti non mi attiravano e preferivo il passato di minestrone.

Ma come si sa le mamme trovano sempre un modo per aggirare l’ostacolo e  quando quel brodo si trasformava in un liquido dorato tempestato di piccoli “semini” di pasta allora ne mangiavo anche due piatti e questo ancora adesso si perpetua nel tempo 🙂

Questa pastina in brodo all’uovo e parmigiano era davvero graditissima, quanto una tenera coccola, ed è uno di quei ricordi che ti rimangono tatuati sul palato, adesso oramai cresciutella me la produco anche da sola per riscaldare le cene invernali e dato che fa parte di quelle ricette che non sono solo ricette ma veri e propri ricordi di famiglia  meritava di essere nel mio ricettario qui sul blog.

 

Pastina in brodo all’uovo e parmigiano

 

Ingredienti (per 2)

5 mestoli di brodo di carne e pollo ( o uno dei due)

1 uovo

4 cucchiai di parmigiano

70 gr di pasta risoni o midolline

 

Preparazione

Portate a bollore il brodo e versate la pasta, cuocete secondo i minuti consigliati sulla confezione. Sbattete bene l’uovo con il parmigiano.

Togliete dal fuoco, versate l’uovo mentre girate bene la minestra.

A piacere aggiungete ancora formaggio e chi vuole una macinata di pepe.

 

Pastina in brodo all'uovo e parmigiano

 

Insalata di verdure sgombro e uova

verdure crude e al vapore

Insalata di verdure sgombro e uova

Chi ha voglia di pensare a cosa cucinare alzi la mano!! la mia rimane giú  😀  non resta che fare qualcosa di semplice semplice ma cosí colorato che fa gola tanto quanto un piatto piú complesso.

Una bella insalata mista di verdure crude e al vapore accompagnate da uova e sgombro sott’olio cosí da  creare un piatto unico e completo.

Un dressing con aromi reso cremoso da un po’ di yogurt condirá perfettamente avvolgendo tutte le verdure.

Insalata di verdure sgombro e uova

Ingredienti per 2

100 grammi circa per ogni ingrediente

Cavolfiore

carota

mezza carota viola

pomodoro peretto

fagiolini

avocado

sgombro sott’olio

1 uovo sodo

emulsione per condire :

un cucchiaio pieno di yogurt

qualche stelo di erba cipollina, foglioline di timo e menta

2 cucchiai di olio extra v. oliva

2 cucchiai di olio di cocco (facoltativo) eventualmente sostituire con olio extra v. oliva

acqua o succo di limone q. b. a fluidificare a vostro piacimento l’emulsione

sale e pepe.

Preparazione

Lavate il cavolfiore e frullatelo pochi secondi fino a farlo assomigliare ad un cous cous, mettetelo a cuocere 5 minuti al vapore con acqua leggermente salata.

Mondate le carote, quelle di color arancione fatele a julienne, quelle viola invece a rondelle sottili.

Cuocete i fagiolini e le uova.

Fate a rondelle il pomodoro, e a fette l’avocado.

Tritate finemente gli odori e metteteli in un vasetto con coperchio dove versate anche lo yogurt, l’olio l’acqua sale e pepe. Chiudete il vasetto e sbattetelo cosí da rendere omogeneo il condimento.

Componete la vostra ciotola e versate il dressing.

Insalata di verdure sgombro e uova

Asparagi alla fiamminga (Belgio)

asparagiverdi

Asparagi alla fiamminga

Riprendo una ricetta che Cinzia mi aveva portato in occasione della raccolta di ricette dal Belgio per riproporre in un modo essenziale ma gustoso gli Asparagi alla fiamminga. Il segreto di questa semplice preparazione che a me é piaciuta molto nonostante non abbia cotture particolari é nel condimento, è una ricetta veloce molto saporita che puó essere oltre che un secondo anche un perfetto antipasto.

Preparo questi “fiori” primaverili conditi con olio pepe e sale, ma anche in molti altri modi, a dir il vero li ho usati anche per un budino  ma mai avevo pensato di usare burro e noce moscata, due sapori che si sposano benissimo tra loro e che insaporiscono con un tocco in più.

 

Asparagi alla fiamminga

Ingredienti (per 2  persone)

un mazzo di asparagi freschi

2 / 3 uova

40 gr. o piú di burro

un trito abbondante composto di prezzemolo, a cui io ho aggiunto anche erba cipollina e melissa

noce moscata

Preparazione

1  – Tagliare la parte legnosa agli asparagi, lavarli e portare a bollore in una pentola alta abbondante acqua salata dove cuocere gli asparagi per poco piú di 10 minuti con coperchio sistemandoli dritti in piedi e con le punte fuori dall’acqua.

2 – Scolarli e passarli sotto acqua fredda per fermare la cottura e mantenere il loro colore verde brillante.

3 – Cuocere le uova per circa 8 minuti poi passarle in acqua fredda cosí da pelarle meglio, schiacciatele con la forchetta per renderle a grosse briciole e aggiungetevi un po’ del trito di aromi, salate e pepate.

4 -Proseguite mettendo il burro in un pentolino cuocendolo fino a che comincerá a scurire.

5 – Impiattate gli asparagi e conditeli con metá del burro fuso, distribuitevi sopra il trito di uova e il resto di burro nocciola, per finire una spolveratina di noce moscata.

 

Asparagi alla fiamminga

 

canadian potato salad

Avevo lessato delle patate ma volevo prepararle con un tocco di sapore in piú e coincidenza vuole che in Canada dove ora ci troviamo con l’Abbecedario facciano un’insalata esattamente con sapori piú decisi rispetto alla piú semplice insalata con olio pepe e sale. (la potete vedere anche qui )
La ricetta andrá a rimpolpare la tavola imbandita da Elena che ci aspetta per assaggiare la cucina canadese.

Vi lascio inoltre una foto delle cascate Niagara il cui nome significa  «acqua che tuona» l’acqua infatti precipita fragorosamente da circa 60 metri, in tutta la propria maestositá che abbiamo potuto appurare dal vivo avvolti dal loro umido velo.



ricordando che i veri abitanti autoctoni del Canada sono loro.

Ingredienti per 2 : due patate medio piccole, mezzo stelo di sedano, mezza cipolla, qualche ravanello (omessi perché fuori stagione), 2 uova, 2 cucchiaini da caffé di senape, prezzemolo tritato finemente, 2 cucchiai colmi di maionese, pepe, sale, olio.

Preparazione : lessare le patate e una volta tiepide farle a fette spesse circa 1 cm., tagliare sottilmente il sedano e la cipolla, mettere a bollire le uova per 7 minuti poi pelarle e farle in 4 spicchi ciascuna.

Amalgamare la maionese alla senape, aggiungere il prezzemolo e un po’ d’olio per rendere la crema piú fluida.
Sistemare le patate in uno strato ricoprirle con la cipolla e il sedano spargere un po’ di prezzemolo, un pizzico si sale e un filo d’olio, distribuire dei ciuffi di crema ma non consumarla tutta.

Aggiungere gli spicchi di uova e condirli con l’aggiunta di prezzemolo  la crema rimasta una macinata di pepe e un ultimo filo d’olio.

 

nidi di agretti ai capperi olive e limone

Questa verdura l’ho scoperta solo da qualche anno e me ne sono innamorata, peccato che la si trova solo per un breve periodo tra marzo e aprile ma proprio per questo io ne faccio una bella scorpacciata.

Ho contagiato anche il resto della famiglia che all’inizio guardavano con scetticismo questi “spaghetti“ verdi che quasi assomigliano a delle alghe. Sono buoni al naturale semplicemente con olio e sale ma a me piace variare e qui potete trovarne le varianti.

Oggi invece vi lascio questo simpatico e gustoso modo di presentarli che io ho sfoderato ad una cena dove sono stati più che apprezzati .


Ingredienti per un piatto : un mazzo di agretti, una confezione di uova di quaglia, una decina di olive taggiasche sottolio e denocciolate, un cucchiaio abbondante di capperi sotto sale sciacquati, la buccia di mezzo limone biologico grattugiata, prezzemolo, olio e sale.

Preparazione : togliere la parte radicale agli agretti sciacquarli e sbollentarli 2 minuti, scolateli passateli sotto acqua fredda e conditeli solo con un po’ d’olio.

Mettere in acqua fredda le uova e portatele a bollore lasciandole cuocere 3 minuti, poi passarle sotto acqua fredda e togliere il guscio. Triturate i capperi le olive e il prezzemolo, aggiungete la buccia grattugiata del limone e condite il tutto con olio uno spruzzo di succo di limone e un pizzico di sale.

Aggiungete il trito, tenendone un cucchiaio da parte, agli agretti e mescolate delicatamente, poi con una forchetta prendetene un po’ e girate come si fa anche per gli spaghetti formando un nido che poserete sul piatto di portata e allargherete un po’ per sistemarvi il piccolo uovo.

Una volta terminato di posizionare passate con un ultimo filo d’olio, spargete il trito tenuto da parte e un’ultima grattugiata di limone.