vellutata di porri e finocchio

La ricetta l’ho presa da qui ed è perfetta per la raccolta del Salutiamoci di febbraio che la cuoca pasticciona metterà insieme nel ricettario dedicato alla famiglia delle gigliacee di cui fa parte la cipolla insieme all’erba cipollina, allo scalogno, al porro, all’aglio e al primaverile asparago.

Una famiglia potente dalle forti qualità terapeutiche: antibatteriche, depurative e diuretiche. Stimolano il sistema nervoso, purificano e umidificano le arterie, eliminano l’eccesso di acido urico.

In particolare cipolla e aglio sono considerati veri e propri farmaci. La cipolla cotta è lassativa, mentre quella cruda agisce sui reni. Distrugge numerosi batteri tra cui colibatteri, stafilococchi e salmonelle.
E’ perfetta per prevenire e curare i malanni di stagioni come influenze e malattie respiratorie, come ad esempio tosse e bronchite. Così proprio come il fratello aglio, altro vegetale dalle potentissime proprietà naturali, in grado di contrastare infezioni e influenze, con un’efficacia sorprendente. (tratto da Salutiamoci)

Una vellutata preparata per la cena pensavo che non sarebbe arrivata qui dato che fare foto di sera con la luce fino ad ora era un’impresa, le foto assumevano colori giallastri e qualsiasi cosa sembrava decisamente poco appetibile quindi da tempo vi avevo rinunciato finchè grazie a Cata quella graziosa e vulcanica signora colombiana dall’accento melodioso ispanico – italico ha indetto un mini corso fotografico a cui ho partecipato.

Semplici indicazioni senza termini tecnici ma che hanno fatto largo tra la nebbia delle mie poche conoscenze e mi hanno stimolato ad esplorare le possibilità della mia macchina fotografica.

La foto seppur fatta con la luce, smanettando un po’ ha cominciato a prendere esattamente i colori veri del piatto…..il bianco è bianco e i colori sono vividi come sono dal vero. Sicuramente si può fare meglio ma almeno ho capito da dove cominciare ^___^  Grazie  Cata!

Ingredienti per 4 :
2 grossi porri
1 finocchio grande con le sue barbe
30 ml. di olio evo (per essere in linea con le regole di salutiamoci l’olio sostituisce il burro)
un cucchiaino di curcuma
acqua e sale quanto basta
ricotta, pimenton

Preparazione : pulite i porri e affettateli, metterli in una casseruola con l’olio e mezzo mestolo d’acqua a stufare coperti finchè saranno ben appassiti, intanto affettare anche i finocchi e una volta che i porri sono ben appassiti, versarli insieme, aggiungere il cucchiaino di curcuma e tanta acqua quanta ne basta a coprirli più del doppio del loro volume, (se la volete molto densa allora mettetene meno).

Cuocere per circa 20 minuti e poi frullare con il frullatore a immersione. Setacciate la ricotta per renderla più soffice, fate delle quenelle da mettere al centro del piatto e condite con il pimenton, per chi volesse avere una terza consistenza più croccante aggiungere dei cubetti di pane nero tostato.

Please follow and like us:
Facebook
Facebook
Pinterest
Pinterest
Instagram

20 thoughts on “vellutata di porri e finocchio

  1. Proprio ieri ho raccolto 3 finocchi e stavo pensando di provare a farci qualcosa di diverso di un gratin. La tua vellutata ha un'aria molto invitante. Carina l'idea delle quenelle di ricotta.

    1. allora te la dedico, ha anche il colore del sole.. speriamo sia un augurio perchè la primavera non si faccia aspettare ^__^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.