brioche al latticello e lievito madre

Se si pensa alla colazione italiana più classica viene subito in mente cappuccino e brioche, ma per farla bisogna scendere al bar e non sempre c’è l’occasione per farlo. A me piacciono le brioche in genere ma tra il cornetto sfogliato e la classica brioche di pan brioche preferisco la seconda e finalmente dopo vari tentennamenti mi ci sono cimentata. Ho seguito per la maggior parte la ricetta letta da Diletta e mi son trovata bene anche cambiando un po’ le proporzioni degli ingredienti.


Qui però la colazione costantemente la faccio solo io, gli altri a volte sì a volte no e dato che più  di una alla volta io non me ne mangio ho pensato che almeno metà dei pezzi che mi sono usciti era meglio conservarli in freezer per  mantenerli e trovarli come appena sfornati anche in un secondo tempo.
Questa è un’idea davvero interessante, trovarsi la brioche al momento giusto è un bel iniziare la giornata!


Ingredienti per circa 15 pezzi : 100 gr. di lievito madre (meglio se rinfrescato da poco), 2 tuorli + uno, 30 ml. di acqua, 200 gr. di farina manitoba, 200 gr. di farina di farro, 250 ml. di latticello, 50 gr. di burro, 50 gr. di zucchero, 100 gr. di frutti di bosco essiccati, un pizzico di sale. (latticello e tuorli a temperatura ambiente)

Preparazione : sciogliere il lievito con l’acqua appena tiepida, sciogliere anche il burro e raffreddarlo, sbattere i tuorli e aggiungervi il latticello.

Mettere tutti gli ingredienti, meno il burro, nella planetaria e impastare fino a che l’impasto è liscio ed elastico, aggiungere poi il burro un po’ alla volta e solo dopo che è stato assorbito. Versare anche i frutti di bosco precedentemente ammollati e strizzati e continuare fino a che si sono ben distribuiti.

Coprire con la pellicola e lasciare lievitare per un paio d’ore. Prendere l’impasto e fare un giro di pieghe del secondo tipo cioè tirando un lembo e portandolo al centro girando tutto intorno, formare una palla con le pieghe che rimangono sotto e lasciare ancora a lievitare finchè torna a raddoppiare ( per me circa 4 ore).

Riprendere l’impasto, stenderlo in forma circolare dello spessore da circa 1a 2 cm e tagliare a spicchi ( a me ne son venuti una quindicina dipende dalle dimensioni che volete) prendere il lato più largo e arrotolare verso la punta. Lasciare ancora a lievitare stesi sulla teglia da forno almeno una mezz’ora perchè si gonfino.

Una volta pronti i cornetti accendete il forno statico a 200 gradi, intanto spennellate le brioche con il tuorlo rimasto precedentemente sbattuto con un cucchiaio di acqua o latte per lucidarle. Infornate per 15 minuti a 200 gradi e poi altri 10/15 minuti (prova stecchino) a 180.

Se li volete conservare per la colazione lenta della domenica vi basterà metterne alcuni in freezer e ricordarvi di toglierli una mezz’ora prima, ancora meglio con una scaldatina in forno al momento.

Questo post partecipa al WHB 417 ospitato questa settimana da me, come sempre vi ricordo che se volete partecipare alla raccolta basterà mandare la vostra ricetta con foto a [email protected] e segnalare nel vostro post la vostra partecipazionealla raccolta. Grazie a Haloo a Brii e a Kalyn che ne è stata la fondatrice. Per saperne di più leggete qui

3 thoughts on “brioche al latticello e lievito madre

  1. Giuro: vado a rubare un vasetto di lievito madre per provare queste brioche strepitose! Che voglia…
    baci
    simo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.