crema di latte e tocchetti golosi

Per prima cosa vi voglio invitare ad andare da mucca sbronza e di partecipare alla sua originale iniziativa, e se decidete di farlo, fate girare la voce, perchè più si è e più sara divertente, ora non mi piantate qua ehhhh……………………….ma appena possibile correteeeeeee…..
Per partecipare a questa raccolta di Laura, ho preso la macchina…………..del tempo, eh eh eh lo confesso, ho pure quella…….e son partita per un flashback ai tempi di quando andavo a prendere il latte alla latteria del paese in cui ho vissuto fino al momento di sposarmi……era un rito, avevo appuntamento sul portone del cortile di casa tra le 4 e le 5, con la mia sorellina di latte……appena nata infatti, mami non aveva da allattarmi e la signora del cortile accanto che aveva partorito un mese prima una bambina di nome Giuliana, si è offerta di sfamarmi…..presumo per qualche volta, quindi da quella volta la bambina in questione è diventata sorellina di latte………non ho mai saputo se lei era d’accordo, ma a quella età si sa si accetta tutto e di più incondizionatamente e io probabilmente ero ben d’accordo. Dunque…..si andava dalla signora che vendeva il latte appena munto, giusto il tempo della raccolta e del tragitto dalle stalle nei dintorni a lì, e dato che oltre al latte vendeva dolciumi, ma soprattuttooooo le fiamme…………quelle paste a forma di fiamma e di cioccolata, ricoperte di sfoglia di cioccolato croccante, con un biscotto per base………finchè la signora Isolina, questo era il suo nome, riempiva il contenitore del latte io pensavo……la prendo o non la prendo…..non avevo il problema dei soldi perchè bastava far segnare su un quadernetto il costo e pagarlo la volta dopo…..però bisognava dirlo alla mamma…..e quello era il problema!! non voleva che lasciassi conti in sospeso.
L’avevo sperimentato, e non aveva per niente funzionato! Per fortuna mamma non mi dava i soldi contati per il latte e quindi quando ne avanzavano, ne approffittavo; secondo me lo faceva apposta, sapendo del mio debole per quelle paste :-))) E ora, stranamente non mi sembrano più quelle,per cui non le cerco nemmeno……saranno cambiati i gusti.

Ma ora veniamo alla ricetta…..sempre restando
in argomento latte, dopo averlo fatto bollire, raffreddando si creava sopra uno spesso strato denso e cremoso, se poi lo si metteva in frigo ispessiva anche di più e mamma mi aveva fatto vedere cosa se ne poteva fare……….dopodichè, io proprio a quello spessore facevo la guardia, per arrivare per prima ad accappararmelo. Qualche volta lo prendevo tra indice e pollice e alzandolo come si fa, a volte con una fetta di mortadella, mettevo direttamente in bocca, oppure in una tazza con un po’ di zucchero per sbatterlo a formare una bella crema coccolosa al latte che mi mangiavo con soddisfazione e pure con qualche biscotto…………..e fu così che iniziai a crescere……ma soprattutto ad arrotondare :-)))

Ora vi do le indicazioni della mia rivisitazione; dato che ho scoperto un distributore di latte, nel percorso che faccio per andare a scuola, sono passata e ne ho preso un litro……..non è la stessa cosa che andare dalla signora Isolina :-(( ma almeno il latte ha il sapore di latte :-)))
Quindi ho fatto bollire un litro di latte, e lasciato raffreddare, poi l’ho messo in frigo e la mattina dopo, ho raccolto quella crema di latte che si era formata in superficie, vi ho messo un cucchiaino di zucchero e sbattuta. Poi ho preso mezza mela, piccola e un po’ verde, sbucciata ne ho fatto dei cubettoni. Ho preso del pane raffermo e ben secco e l’ho fatto a tocchetti , ho messo a sciogliere in un padellino due cucchiaini di burro, a cui ho poi aggiunto i cubettoni di mela e il pane con cannella e zucchero a piacere, ho alzato il fuoco e li ho lasciati rosolare fino a quando si sono colorati (pochi minuti). Poi in bicchiere ho messo la crema di latte e vi ho appoggiato sopra mela e pane croccante tiepidi, qualche gocciolina di cioccolato che tende a sciogliersi e la coccola è pronta.
L’insieme del freddo della crema e del tiepido della mela e pane, vi garantisco che è una meraviglia. Con un litro ne esce giusto una porzione, ma buoooooonaaaaaa!

Please follow and like us:

30 thoughts on “crema di latte e tocchetti golosi

  1. Questo blog è bellissimo, complimenti! Anch’io sto cercando di imbastire un blog con ricette/ristoranti/viaggi e fatalità sono di Verona anch’io…Ti posso linkare?

  2. Astro ti rispondo qui altri menti rischio di prenderle vero? ;-))
    Hai ragione alle volte do alcune cose per scontate 😉
    Fai così metti il contenitore in una bacinella piena di ghiaccio,ed ecco che avrai ottenuto l’abbattimento 😉
    Ho provato a chiedere a mio marito l’abbattitore per Natale,ma mi ha semplicemnte risposto ..E se ti abbattessi io? SGRUNTTTT ;-(((

  3. Brii : su da brava, tu lì intorno di contadini ne hai più di uno….mi raccomando scegline uno figo ehhh..

    Pippi : ciao pippina, ma dove sei stata? torna con calma e fatti sentire ogni tanto (^_____^)baci!

    dario : ziett,ricordiamo che fa bene
    al cuore, salutoniiii!

    Val : convieni con me che il latte di montagna nel gusto ci guadagnaaaa :-)))) son passata da te….e ho visto che mi combini da vera ragazza di mare!!!!!!

    Val : ciaooo bentrovata, mi raccomando lavora poco :-)))

    Scuccy : oh povera me,:-((( il mio paparo consigliere non mi passa più suggerimenti….preferisce stare a guardare….ok,ok, resto in attesa di tempi migliori…… passerà (^_____^) ciauuuuzzzzzzz!!!

    ELY : a dir il vero non ne ho mai fatto, ma di sicuro non posso mancare alla tua raccolta,(^__^) grazie di avermi avvisato, bacioni!

  4. bellissimo questo ricordo!!! e deliziosa la ricetta noi per fortuna riusciamo ancora a prendere il latte appena munto nei distributori automatici a volte dobbiam ospettare che abbiano finito di mungere in fattoria 🙂 senti stò facendo una raccolta di cupcakes ti piacerebbe partecipare? vanno bene ricette già postate e ricette nuove, e anche se non li hai mai fatti può essere una sfida divertente che ne dici? ti aspetto sai davvero felice che ci fossi anche tu baci Ely

  5. Che bei ricordi e che ricetta squisita! Da bambina cresciuta in città di mare ho sempre bevuto latte in pacchetti, poi, quando mi son trasferita verso i “monti”, mio marito mi ha portato a scoprire il “latte vero” che ancora si può andare a prendere in qualche cascina da queste parti! Tutto un altro gusto… Grazie, ciao!

  6. che bel racconto….. eh si…è bello ogni tanto ricordare!!!!!
    questa crema, poi, è unica!!!!
    complimenti!!!
    ciaoooo e buona serata

  7. E’ un pò che non passo da te…mamma mia che belle ricette bisogna che me le legga con calm e prenda appunti ….zucca e funghi……….. questa crema……. sì devo tornare con calma ora scappo in ufficio! u salutino e a presto Pippi

    P.s.: che bel racconto 😉 tanta tenerezza..

  8. chibuuuuu…hai capito??? dobbiamo sedurre un contadino!!!
    hahahaha
    astrooooo…troppo forte!!!
    si che dobbiamo conoscerci!!
    bacioniii

  9. Camomilla : fidati…non ti farà senso….solo un pochino ingrassare
    ……ma tanto soddisfare :-)))) bacioooooooooo!

    Saretta :ma guarda….da bambine abbiamo mangiato la stessa delizia …..io anche da bambina cresciutella ^______^ baci!

    Ciboulette : Cibuuu…..la consistenza della panna è troppo soft….questa diventa una crema più densa e rimane di più il sapore del latte…..niente scorciatoia….trova un contadino, sfodera tutta la tua sensualità. ….e non ti saprà dire di no…il latte appena munto sarà tuo (^__________^)bacioni
    P.S.fammi sapere se ha funzionato..
    con il contadino ovviamente !!!

    Stefano : bene bene, se questo è l’effetto….dovrò suggerirlo a tua moglie….le potrebbe servire in qualche occasione…

    Aiuolik: è bello ricordare…e ancora meglio se c’è chi ti”ascolta” con piacere, grazie a te, bacioni.

    Elga : meno male che ti posso tirar su di morale….ci dobbiamo abituare a queste giornate corte..

    Simona : ciaoooo bentrovata,

    camalyca : allergie in corso? pazienza non ti posso allungare la coppa,:-(( ma ci saranno altre occasioni, e poi 4 chiacchere in compagnia valgono anche di pù, baci

    Babi : eh sì, ti pensavo e mi dicevo “guarda un po’ quante se ne perde, speriamo che torni presto” e finalmente eccoti (^_________^)
    San Francisco merita, son contenta che tu abbia letto il post, scommetto che avresti assaggiato quei vermiciattoli croccanti :-))))
    Bacioniiiiii!

    Carla : ciao bella signora, mi fa piacere condividere anche con te le mie chiacchere…….e tra non molto anche il latte crudo….

    Giulia : le cose semplici, sono quelle a cui spesso non pensiamo, ma come vedi basta poco, :-))) ciao

    Brii : vedi più su, risposta a Cibou, noi prima o poi ci dobbiamo conoscere…..che dici? baciiiii!

    Sciopina : brava Sciopì….
    determinata come sempre :-))) baciiiiiiii!

  10. astroooo….una sorellina del latte!!
    ma è bellissimoo.
    mi accodo alla domanda di chiboulette…possiamo usare la pannaaaa????
    ti auguro un buonissimo mercoledì
    bacioniii

  11. ma sai che è proprio una bellissima storia della tua infanzia e non sapevo si usasse la crema del latte deve essere buona la foto non smentisce uahu!!

  12. Ciao Astro!
    Ma che bella storia che ci hai raccontato!
    E di questa crema di latte non ne sapevo nulla!
    Davvero strepitosa….
    Ora anche qui dove abito metteranno un distributore di latte, finalmente! e appena sarà installato la sperimento!
    Grazie per aver condivio questi momemti coccolosi della tua infanzia!
    Davvero belli ed intensi.
    Un bacio

  13. ciao Astro! ma che bella questa raccolta, non la conoscevo (mi sono persa davvero tantissime cose in questi mesi!). la tua storia è troppo dolce Astro, e hai pure una sorellina di latte! 🙂

  14. Io non posso provare la tua ricetta anche se sembra buonissima ma sono felice di aver letto la tua splendida storia 🙂

  15. Veramente coccolosa questa coppa, giusta per tirarmi su il morale adesso che abbiamo cambiato l’ora e fa buio così presto! Ti abbraccio Elga

  16. ma allora questa coccola si puo’ fare solo con il latte crudo… 🙁 e se usassi la panna fresca??? Viziosaaaaa!!! :)) Un bacio!

  17. Naaaaaaaaaaa!Mi hai ricordato una pagina della mia infanzia!!!la mia nonna me la motanva la crema di latte!Questa con pane e mela è semplicemente a dir poco allettante..
    ah vecchi sapori d’infanzia!
    bacione

  18. E ci credo che sia buona, dalla tua descrizione mi è venuta fame!!! Io ho sempre guardato con un po’ di senso la patina che si forma sul latte e invece tu guarda cosa ci hai fatto! Slurp!
    Baci cara, buon lunedì!!!

  19. manu e silvia :buonissimo e semplicissimo, mentre preparavo i tocchetti, vi era un profumo delizioso…..

    Annamaria : quel velo che si forma usando il latte in confezione fa senso pure a me, per non parlare alla mia mezza mela….ma quella di
    cui parlo io è tutta un’altra cosa…è praticamente la panna allo stato più naturale….ti ho convinto? :-))) bacioni e un cucchiaino di dolcetto (^_____^)

    Lo : eravamo praticamente cip e ciop….ma ci sentiamo ancora, perchè lei abita ancora là e dato che spesso vado a trovare i miei ci si vede ancora…

    Fra : oh che bella descrizione… mi fai venir voglia di una altra coccola…baci.

  20. Questa composizione ha davvero il profumo dei ricordi, dolce, speziato, avvolgente. Una fantastica coccola, davvero
    Un bacio
    Fra

  21. ma che buono…e che dolce ricordo…ma la sorellina di latte la senti ancora?…chissà le cose che vi siete detti in quei giorni in cui eravate piccolissime…
    anche io prendo il latte crudo..e lo faccio bollire per fare lo yogurt…mi capita di prendere con le mani quello strato di panna e dividerlo con la mia gnoma…
    buona giornata con bacione

  22. che racconto emozionante…ma sai che invece a me quella patina che si forma sopra il latte mi ha fatto sempre senso? 🙂 buoni i tuoi dolcetti:-) buon inizio settimana
    Annamaria

  23. No questa ce la segnamo rpoprio…è semplicemmente buonissima!! Latte mele e pane…un abbinamento insolito!!
    Non sapevamo come si facesse la crema di latte!!
    un abcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.