plumcake alle due spezie…e un saluto

Della Cina se ne parla spesso in negativo per lo sfruttamento delle persone al lavoro, per quanto inquina, per come sanno contraffare e altro….ma stavolta una notiziola buona è comparsa e le cose buone è meglio divulgarle perchè possano essere d’esempio, a cominciare da noi che facciamo la spesa tutti i giorni, la notizia presa dal corriere della sera è questa, ve ne lascio uno stralcio, ma se volete seguendo il link la potete leggere tutta.

Cina, un anno senza buste di plastica

” Non usare le buste di plastica, a favore di carta e stoffa: una goccia nel mare della lotta all’inquinamento, ma non se il Paese a farlo ha le dimensioni della Cina.

Qui infatti, a un anno dall’entrata in vigore del divieto di usare la plastica per impacchettare la spesa, il conto del risparmio energetico è davvero positivo: risparmiati 1,6 milioni di tonnellate di petrolio e salvati dall’uso 40 miliardi di sacchetti.

Sulle alternative alla plastica, però, è una ricerca canadese a mettere in allarme i consumatori: le buste in stoffa infatti, seppur resistenti ed ecologiche, non sarebbero igieniche e darebbero problemi alla salute.

Risultati interessanti, ma di parte: la ricerca è infatti commissionata dalla Canadian Plastic Industry Association, ovvero la lobby delle aziende canadesi produttrici di plastica. ” continua qui.

Che sia vero? niente più buste di plastica? e se andassimo a vedere? un salto qua e là tra Pechino Shangai e Hong kong, facendo shopping per verificare sul campo, sul campo? si fa per dire, meglio è tra i grattacieli di queste metropoli.

Quanti negozianti saranno ligi al divieto? 😉 Va bè, gironzolando tra le notizie, vi ho portato piano piano alla meta.

In realtà vi sto salutando dato che tra un paio di giorni proprio in Cina andremo per risentirci, fuso orario permettendo, al ritorno e a quel punto vi aggiornerò sui sacchetti di plastica.

Ora invece veniamo alla ricetta di muffins americani – trasformata in plum cake, e dato che ho tratto la ricetta da qui vi ho cambiato in grammi anche le misure degli ingredienti.

Ingredienti 

100 gr. di burro,

130 gr. di zucchero (io ne ho usato metà di bianco e metà di canna bruno)

1 uovo,

250 gr. di farina,

1 cucchiaino e mezzo di lievito,

mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio,

mezzo cucchiaino di sale,

1 cucchiaio raso di noce moscata,

125 ml. di buttermilk o in alternativa di latte,

2 cucchiaini di essenza di vaniglia.

Per il topping – mescolate 2 cucchiai di zucchero con 1 di cannella, e fate sciogliere un cucchiaio di burro.

Preparazione 

prendete il burro ammorbidito a temperatura ambiente e lo zucchero, mescolateli fino a diventare una crema, aggiungete l’uovo e continuate a sbattere.

In un’altra terrina mescolate lievito, noce moscata, sale, bicarbonato e farina.

Ora aggiungete in due volte la farina alternandola con il buttermilk e l’essenza di vaniglia, alla crema ottenuta con lo zucchero e il burro.

Mettete la carta forno nello stampo da plumcake e versateci il composto, infornate a 200 gradi per 30 minuti circa.

Una volta sfornato e raffreddato, preparate la miscela di zucchero e cannella, sciogliete il burro e spennellatelo sulla superficie del plumcake, poi spolverizzate con lo zucchero e cannella usando un piccolo colino.


Ma… ecco che, colta in flagrante con il cucchiaino ancora in mano gocciolante, mi faccio scoprire…..le macchie ne sono una prova inconfutabile, ma vi assicuro che non vi sarà macchia più gradita alla faccia di chi vi ha scoperto.

Gelatina di ribes

Ingredienti 

600 gr. di ribes rosso, 300 gr. di zucchero.

Preparazione 

lavate sotto acqua corrente i rametti di ribes, sistemateli nella pentola con lo zucchero con tutti i loro rametti, schiacciate i frutti per far uscire bene il loro succo e cuocete fino a che si sarà addensato. ( circa 10 / 15 minuti a fuoco medio)

Fate la prova sul piattino, se un cucchiaino di succo non correrà velocemente, potete spegnere.

Mettete i residui dei frutti in un colino e setacciate il tutto schiacciando bene per far colare la gelatina nella stessa pentola.

Versare poi nei vasetti sterilizzati e chiudere bene. Capovolgeteli e lasciate raffreddare.

P.S. la ricetta diceva 600 grammi di zucchero, ma a me sembrava troppo e comunque mi piace il leggero acidulo dei frutti di bosco, perciò ne ho usato 300 grammi.

Voi se preferite più dolcezza regolatevi a piacere.

ma ora mi devo decidere, le valigie bussano dall’armadio, un arrivederci a tutti,
anzi zài jiàn 🙂 ni hao

Please follow and like us:

20 thoughts on “plumcake alle due spezie…e un saluto

  1. E' pazzesco: sai la tua penultima ricetta, i fichi arrosto con miele e rosmarino?
    Be', mi stavo scervellando riguardo a un certo cheesecake che voglio fare oggi, e pensavo a cosa abbinare alla gelatina di fichi e miele con cui coprirò il dolce.
    Illuminazione: rosmarino!
    Convinta di aver avuto un'idea folle e che forse non sarebbe stato un buon accostamento, mi metto di malavoglia a cercare su internet qualcos'altro… E incappo nella tua ricetta!!
    Sembrano buonissimi, grazie per aver suffragato la mia intuizione!
    Ora è da decidere se restare anch'io sul rosmarino o se virare più all'avventura con il cardamomo… 😉
    (ros)marina

  2. Ciao!!! Porto una grande notizia!!! Su Giallo Zafferano è partita una sfida “all’ultima brace”!Si tratta di un concorso per aspiranti griller, con in palio un barbeque del valore di 1.000,00 euro!
    Non farti scappare l’occasione di metterti in gioco! Collegati ed iscriviti gratuitamente a Giallo zafferano e partecipa anche tu!
    Trovi maggiori informazioni seguendo questo link:
    http://forum.giallozafferano.it/contest-bbq-grilling-experience/
    Se hai bisogno di una mano a capire come funziona, sono a tua disposizione, clicca sul mio nome in questo messaggio ed accedi al mio blog, lasciami pure la tua richiesta per email o nel post dedicato a questa iniziativa…..spero di vederti tra i concorrenti!
    Con simpatia:
    Clamilla (su giallo zafferano sono martinaS)

  3. Cerco anch'io di fare del mio meglio, l'unione fa la forza no?!
    Le note colorate ed il profumo di questo dolce ci terranno compagnia, lasciando una traccia di te, fino al tuo ritorno… Buone vacanze.
    Ciao Alessandra

  4. Ciao astro!
    Mamma mia quanto vai lontano?! Beata te!

    Fai delle belle vacanze che poi ci racconterai vero? anche dei sacchetti di plastica…guarda bene 🙂 in giro…

    Un bacio

  5. Il dolce è golosissimo. Ci lasci con uno splendido ricordo. Anche io non sopporto gli spechi ….
    Buone vacanze

  6. Bello il saluto a sfondo ecologista profumato di noce moscata e cannella…

    Per quanto tempo ci lascerai orfani?

    In ogni caso rilassati, divertiti e, soprattutto, torna con un bottino esagerato di immagini e ricette…Buon viaggio!

  7. 再見!
    Spero di riuscire a salutarti live, si sa mai che mi torni con gli occhi a mandorla che non ti riconosco +!

  8. innanzitutto il plum cake sembra una vera delizia e le foto sono meravigliose…e poi…vai in cina??!??! che invidia!!! ;D
    fai tantissime foto mi raccomando
    Un bacione
    fra

  9. Mi hai beccata :-D! Ma in positivo perché io sono un po' come i cinesi, limito al minimo l'utilizzo della plastica, i sacchetti non li uso quasi mai. Una piccola goccia nel mare ma se lo facessimo tutti il risultato sarebbe ancora migliore!
    Il plumcake è strepitoso, mi piace insieme a quel bel rosso della gelatina! Buone vacanze, a presto!

  10. Io da tempo ho smesso di utilizzare le buste di plastica per la spesa in favore di quelle di stoffa che tengo sempre nel baule dell'auto per non dimenticarmene. Speriamo che anche in Cina questa diventi la prassi!
    Ah ma allora parti eh? Beata te, io ritornerei in ferie anche subito.
    Ti aspetto qui con un morsetto di plumcake e tanta gelatina di ribes!
    Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.