Quattro passi a Ferrara

Quattro passi a Ferrara

Un breve fuori porta per fare quattro passi a Ferrara, in una città che è un piccolo gioiello da visitare camminandoci seguendo l’istinto del vostro sguardo, ovunque troverete di che ammirare.
Non per niente è considerata patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco. Questa è una semplice passeggiata, ma la città merita di essere vista anche più in dettaglio magari entrando anche nei palazzi e nel castello………dovremo tornarci magari in un’altra stagione più accogliente.
La giornata in cui ci siamo stati era abbastanza uggiosa ma per fortuna non pioveva, e quell’atmosfera leggermente ovattata da una leggera nebbiolina che ha poi lasciato, anche se solo per un’ora, filtrare un raggio di sole, coronava l’atmosfera natalizia che si respirava nella città.
Dopo aver posteggiato in un comodo parcheggio vicinissimo al  centro storico  (parcheggio centro storico – via darsena) e facilmente raggiungibile da una circonvallazione esterna, iniziamo i nostri quattro passi a Ferrara avviandocii verso l’ingresso della torre dell’orologio con i suoi due archi.
Premetto che pensando di trovare una giornata piovigginosa non mi ero portata la macchina fotografica e quindi ho scattato con il telefono, perciò le foto non sono al meglio.
Camminando e lanciando gli sguardi sia a destra che a sinistra, si avrà la possibilità di ammirare degli scorci
 molto belli della città medioevale
 dopo aver attraversato la torre dell’orologio noterete subito poco più avanti la cattedrale, dedicata a S. Giorgio con una facciata marmorea rosata in stile romanico, mentre nella parte superiore una serie di archi in stile gotico dovuti alla costruzione avvenuta in un secondo tempo.
 Alcuni particolari della bella facciata
 
sul fianco della cattedrale, in piazza Trento e Trieste si trova il campanile costruito anch’esso in marmo bianco e rosa ma d’epoca rinascimentale
inoltre scorre una loggia colorata
 dove si trovano una serie di negozi in stile vintage, ma che sicuramente occupano questo spazio fin dai tempi del medioevo……..
 
 Dirimpetto alla basilica si trova questo arco detto il volto del cavallo probabilmente in riferimento al cavaliere sulla colonna destra, il volto è l’ingresso alla piazza municipale.
Appena entrati sulla destra si trova uno scalone che porta agli uffici del municipio e che quel giorno veniva particolarmente addobbato.
scoprendo poi che una sposa era il motivo dei decori.
 Lo scalone ha una balaustra sormontata da archi in marmo bianco in stile veneziano che risaltano il tutto.
Continuando a passeggiare si trovano spesso strade con piccoli archi e pavimenti acciottolati…
ma quello che ricorrerà più spesso sono le costruzioni in mattoni rossi,
i palazzi e le abitazioni in genere sono quasi tutti costruiti in cotto
Ferrara
e anche alcune chiese come la basilica dedicata a  S. Francesco
la zona è tutta pedonale, ma le biciclette sono il mezzo che i ferraresi prediligono, i negozi sono piacevoli da guardare dato che non appartengono alle solite catene che si vedono praticamente in qualsiasi città.
Ferrara
 Proseguendo oltre la cattedrale si arriva al castello estense con il monumento dedicato a Gerolamo Savonarola, il colore del castello vira al rosso grazie ai mattoni ma anche perchè oltre che dalla fornace sono stati cotti dal sole dei secoli……un mercatino dell’artigianato occupa lo spiazzo antistante.
Ferrara
 Su una colonna della piazzetta vi è il padimetro che indica i livelli delle piene del grande fiume Po che si sono avute nel corso degli ultimi secoli (a partire all’incirca dal 1700) l’ultima tacca in alto risale alla piena del 1951…
visitare Ferrara
 il fossato che circonda il castello è inondato da acque verdi smeraldo,
 Quattro passi a Ferrara
da cui ogni tanto fanno capolino grossi pescioloni rossi e dorati.
Attraversando gli archi che troverete di fianco al castello entrerete in piazza Castello, tutta acciottolata con sassi di fiume e che in quel giorno era “abitata“ da un mercantino,
con oggetti vari d’altri tempi
le vetrine degli alimentari mettono in mostra i prodotti tipici come la nota salama da sugo (il salume a sinistra)
 e il classico pane ferrarese nelle varie fogge e guardando queste vetrine e vista l’ora che si era fatta ci siamo seduti in una trattoria che vi consigliamo.
 dove abbiamo mangiato bene e tipicamente ferrarese a partire dai cappellacci di zucca al ragù.
al pasticcio di maccheroni in frolla,
 per arrivare alla tipica salama da sugo su purè.
e dato che oltre non si riusciva ad andare, ho pensato che sarebbe stato un peccato, non assaggiare la famosa torta tenerina, un po’ il brownie locale 🙂
e il panpepato, l’altra specialità dolce ferrarese, perciò l’alternativa era entrare in una pasticceria e fare in modo che i due dolci tipici diventassero il dessert del giorno dopo comodamente assaporati a casa.
Nel centro storico comunque vi sono molti ristorantini e leggendo qualche menù in vista credo siano tutti di buon livello con una buona cucina.

One thought on “Quattro passi a Ferrara

  1. 13 THOUGHTS ON “4 PASSI A FERRARA”

    Valentina in 3 gennaio 2012 alle 2:58 ha detto:
    Io vivo a Ferrara! Hai fatto un bel giro, brava! Anche il pampepato del Leon d'Oro, un caffè molto rinomato!! 🙂

    Rispondi ↓
    astrofiammante in 3 gennaio 2012 alle 15:22 ha detto:
    Saretta ha detto…
    Ecco Ferrara pure mi manca…ma non me la farò scappare!!!!un bacione gioia e Buon anno!

    Rispondi ↓
    accantoalcamino in 4 gennaio 2012 alle 13:54 ha detto:
    Mai stata a Ferrara, grazie della passeggiata..ma ti ho fatto gli auguri di buon 2012? Noooo? Allora AUGURISSIMI 🙂

    Rispondi ↓
    Arianna in 4 gennaio 2012 alle 15:44 ha detto:
    Ma sai che non sono mai stata a Ferrara??
    Devo assolutamente rimediare, molte persone me ne hanno parlato bene!
    Buon anno!

    Rispondi ↓
    Simona in 7 gennaio 2012 alle 8:48 ha detto: Modifica
    Purtroppo anche io devo ammettere ignoranza per quanto riguarda questa bella citta'. Grazie della visita virtuale.

    Rispondi ↓
    Anonimo in 10 gennaio 2012 alle 12:42 ha detto:
    E' la mia città!!!! la adoro, ogni volta che arrivo in piazza mi viene un po' di commozione tanto è bella…
    Venite!

    Rispondi ↓
    astrofiammante in 10 gennaio 2012 alle 21:18 ha detto:
    Valentina – sei fortunata, abiti in una bella città e pure delle pasticcerie a cui far visita ^ ___ ^

    Saretta – dai dai che non è lontana, devi andarci!!

    Libera – ma certo che me li avevi fatti gli auguri, ma io mi tengo anche questi che non fanno certo male ^ ____ ^ Ferrara ti aspetta!

    Arianna – grazie, auguri anche a te e metti in agenda Ferrara ^ ____ ^

    Simona – son sicura ti piacerebbe, la prossima volta invece che Venezia mettici Ferrara ^ ____ ^

    Anonimo – e fai bene ad adorarla è davvero molto carina…..hai un blog?

    Rispondi ↓
    Chiara in 10 gennaio 2012 alle 23:26 ha detto:
    la mia città! io l'adoro!!!

    Rispondi ↓
    Anonimo in 11 gennaio 2012 alle 0:55 ha detto:
    io vivo a circa 40 km da ferrara ……ma appena ho tempo ci vado …..dovete visitare anche i paesini intorno …..sono molto suggestivi …..

    Rispondi ↓
    astrofiammante in 11 gennaio 2012 alle 9:18 ha detto:
    Chiara – non è difficile adorarla vero? ^___^

    Anonimo – offre sicuramente qualche ora di piacevoli passeggiate…..ma se hai un minuto di tempo, dei paesini hai qualche nome in particolare da consigliare? ciao ^__^

    Rispondi ↓
    icedgurl in 30 gennaio 2012 alle 16:32 ha detto:
    trekking your blog!!!

    cheers!
    ..TREK..

    Rispondi ↓
    astrofiammante in 30 gennaio 2012 alle 21:53 ha detto:
    good trekking to you, hi! ^___^

    Rispondi ↓
    Giorgia in 1 ottobre 2012 alle 15:24 ha detto:
    Grazie!! Me lo sono letto proprio con gusto e prenderò spunto

    Rispondi ↓

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.