Mussel Pot with (Trappist) Beer – Paesi Bassi

Dei Paesi bassi che noi tutti ci ostiniamo a chiamare Olanda ma è un po’ come dire il nome di una regione (tipo una a caso) il Veneto invece che dire Italia, la tradizione culinaria mostra spesso le patate, le aringhe e la birra……..qualche anno fa in visita ad Amsterdam per quanto riguarda la ricerca dei piatti tradizionali non siamo stati molto fortunati, nei menù non mancavano le sempre presenti patate e aringhe, ma altri piatti che fossero tipicamente olandesi non abbiamo trovato, le proposte sembravano sempre dei piatti influenzati da richiami francesi piuttosto che tedeschi…..buoni ma a noi non sono sembrati piatti tipici, probabilmente abbiamo sbagliato ristoranti o semplicemente in centro fanno una cucina prettamente per turisti…..

in poche parole siamo rimasti un po’ delusi, è stata l’unica volta dove non abbiamo scovato la cucina del posto…….un po’ meglio (si fa per dire) quando siamo andati in visita ad un villaggio su un isolotto in cui si potevano comprare formaggi olandesi direttamente dal produttore e dove alcuni chioschi vendevano neanche a dirlo aringhe marinate e crude O__O ovviamente non so dirvi che sapore avessero, non sono un’avventuriera gastronomica.

Leggendo il libro di Allan Bay – Le ricette degli altri  nel capitolo dedicato ai paesi bassi praticamente noto che ha avuto modo di fare le stesse considerazioni eppure una tradizione sicuramente deve esserci, ma probabilmente i ristoranti preferiscono piatti più alla moda……ma magari chissà…. nel frattempo le cose sono cambiate o almeno lo spero.

È iniziato il nostro Abbecedario europeo e in queste settimane siamo in Olanda nei Paesi Bassi ospitati da Monya che ha intonato il la preparando una squisita Appeltaart, ma vedo che stanno arrivando molte altre ricette così da smentire almeno in parte i miei dubbi sul fatto delle tradizioni Dutch e confermare che le ricette tipiche esistono.

Pensavo di proporre una delle poche ricette che lo stesso A. Bay propone nel suo libro ma una proponeva il pollo alla birra e non avevo il pollo…..l’altra indovinate cosa conteneva? aringhe e patate e quella che mi sembrava la ricetta più nelle mie corde proponeva una zuppa di piselli sennonché leggendo gli altri ingredienti mi sono un attimino ……come dire……preoccupata perchè questi ingredienti non sono facilmente in esposizione  nel banco frigo, avrei dovuto chiedere gentilmente al “mio“ macellaio se mi procurava un orecchio e un piedino di porco, e a dir il vero ho pensato che non era il caso di scomodarlo, perciò la ricetta l’ho presa da qui, si usa la birra trappista, detta così perchè è prodotta dai monaci trappisti dal nome del monastero di origine la Trappe situato in Francia notizie in merito qui, è una birra particolare e con ricetta segreta, ma io mi sono accontentata di una buona birra chiara Ceres.

Ingredienti per 4 : 50 gr. di burro, 1 cipolla, due piccole carote, 2 piccoli porri o uno grande, un mazzetto di prezzemolo, 300 ml. di birra chiara (o scura a seconda dei gusti, ma in alternativa c’è anche la versione col vino bianco) 4 kg. di cozze, pepe e sale.

Preparazione : tritare le verdure o semplicemente affettarle sottilmente del prezzemolo tritare solo i gambi e tenere le foglioline da parte, metterle a stufare con il burro a fuoco medio basso finchè saranno tenere, aggiungere la  birra e lasciare evaporare per qualche minuto.

Versare anche le cozze precedentemente lavate e ripulite di eventuali filamenti di alghe, coprire e lasciare stufare per circa 10 minuti finchè i mitili si saranno aperti, distribuire nei piatti e aggiungere le foglioline di prezzemolo, io ho preferito toglierle dai gusci. Di solito le accompagnano con patatine fritte……..io ho preferito del pane nero.

19 thoughts on “Mussel Pot with (Trappist) Beer – Paesi Bassi

  1. Ricetta interessante. In questi giorni si parla molto della famosa birra dei Trappisti qui perche' se ho capito bene, sara' disponibile. Anche il pane vicino al piatto ha un'aria appetitosa.

    1. olèèè che tempismo, vai con la trappi-beer. IL pane ora lo vedi in tutto il suo splendore nel post del WHB 368, ciao!!

  2. Bella zuppa:) più semplice di quella che ho trovato io navigando per il web! In effetti la cucina olandese/dei Paesi Bassi è un misto di influenze varie….diciamo che difficilmente può essere "identificabile" come quella cinese o italiana o francese….ma ricercare è comunque divertente e per molti di noi che non sono mai stati lì provare abbinamenti e sapori diversi, anche se in molti casi abbastanza familiari, può aiutare ad affinare il gusto e a in qualche modo ci apre la mente 🙂
    A presto
    Rosa Maria
    p.s. belle le tazze!!! io invece ho la "fissa" dei bicchierini da liquore =D

    1. viaggiare in qualsiasi modo aoche solo attraverso i piatti altrui è sempre una bella apertura mentale, in quanto alle fisse, ad ognuno la sua……. il problema è quando ne abbiamo più di una ^_____^

  3. chiedo sempre il permesso, se mi dicono di no chiedo se pagando qualcosa le posso avere e se insistono per il no ……bè allora peggio per loro ^___^ ma è capitato solo un paio di volte, a Catania me l'hanno regalata ma era leggermente segnata, quindi il giorno dopo prendendo ancora il caffè al tavolo ovviamente gliel'ho rifilata di nuovo scambiandola con quella sana ^____^

  4. ma dai… e come fai a prendere le tazze senza che se ne accorgano??
    svelami il segreto, che inizio la collezione pure io!!! :*DDD
    dimmi che chiedi il permesso, ti prego…. sto rotolando dal ridere!!!!!

  5. questa supercozzata è perfetta per la gnoma…che è cozzara fin da piccola….penso che ad averne l'occasione ci si tuffa dentro! Baciottolo

  6. vedi che anche tu non hai mangiato Dutch…..magari provo cercare qualche blog e se lo trovo son curiosa di vedere se qualche volta mangiano indigeno ^___^ double Kiss !!

  7. Io ad Amsterdam avevo mangiato in un ristorantino francese delizioso, però Francese!E la cucina era fusion…
    Sta zuppotta m'intriga moltissimo, sei una grande Marta!kiss

  8. Grande Marta! Anche io sono alla ricerca di un piatto dei paesi bassi, ma mi sono resa conto che è tutt'altro che semplice 🙂
    Questa zuppetta invece sembra deliziosa!
    un abbraccio!

    1. coraggio Roby, prova nel sito che indico nel post, si sa mai che trovi qualcosa non troppo complicato ciauzzzzzzz.

    1. yesssss, c'è chi si porta il piatto del buon ricordo e chi si “frega“ le tazzine nelle caffetterie o i locali storici ^___^

  9. Bellissima questa zuppetta!
    Grazie 1000ssime per il tuo Contributo ai Paesi Bassi-Olanda-Nederland :DDD
    Visto quante belle cuochette siamo? Troppo divertente questa raccolta!
    Un bacione!!!!

    1. in effetti è una bella sorpresa vedere tutti come spignattano proprio perchè secondo me i paesi bassi non offrivano facilmente piatti fattibili, ma mi stanno smentendo alla grande ^___^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.