Swedish flatbread – crackers svedesi senza lievito

Scroll roll for English

Stavo per perdere la carovana dell’Abbecedario che si trova in Svezia. Mi sono accorta che già i partecipanti più solerti di me cominciavano a sistemare le valigie per partire alla volta  del prossimo traguardo, ma facendo una corsa sicuramente riesco a prenderla lasciando ad un uomo dal bagno alla cucina che in questa tappa raccoglie i piatti svedesi da noi preparati anche la mia ricetta (presa da qui),  devo quindi affrettarmi e portargli questi crackers che sono perfetti per essere spalmati di burro e ricoperti di buon salmone affumicato. Io li ho spalmati di panna acida e accompagnati con dei cetriolini sottaceto e salmone.

Mi rendo conto che, a chi passa di qui per la prima volta, leggendo il paragrafo sopra di carovane partenze e uomini che dal bagno vanno in cucina possa sembrare piuttosto surreale ma in realtà è solo un gioco con cui un gruppo viaggia virtualmente nella nostra vecchia Europa attraverso ricette tradizionali scoprendo così gusti e sapori più o meno lontani dalle nostre abitudini gastronomiche.

Anzi, se volete viaggiare con noi siete i benvenuti, basterà preparare un piatto dello stato in questione e linkarlo a chi fa la raccolta, che è sempre segnalato nel post, noi intanto cambiamo la valigia dato che dal fresco nord andremo al caldo sud di Cipro, fuori i maglioncini e dentro i costumini…ini si fa per dire. ^___^

Ingredienti per circa 15 pezzi : 200 gr. di farina di segale o integrale, 50 gr. di burro, un cucchiaino (da caffè) di zucchero, un cucchiaino abbondante di sale, 60 ml. di latte.

Preparazione : mescolate farina sale e zucchero, aggiungete il burro precedentemente tagliato sottilmente e impastate sfarinando tipo la frolla, aggiungete poi il latte e compattate il tutto.

Stendete con il mattarello in una sfoglia sottile e ritagliate dei rettangoli approssimativamente di 5 x 10 ora bisognerebbe avere un mattarello che segna i fori ma non taglia, ma non avendolo io ho sistemato ogni rettangolo sulla bistecchiera che ha un fondo a nido d’ape e ho dato un’ultima rollata.

Accendete il forno a 210 gradi e nel frattempo che prende calore ( nella ricetta non si diceva, ma io ho pensato che come per le frolle favorisse la croccantezza) mettete la teglia in cui li avete stesi nel frigo.
Infornate e cuocere per circa 20 – 25 minuti o fino a quando cominciano a dorare, sfornateli e lasciateli raffreddare.

English version

Ingredients :
1 1/3 cups rye flour, whole wheat is fine
3/4 teaspoon sugar
1/4 teaspoon salt
4 tablespoons butter
1/3 cup milk, plus 1 T more if needed

Directions

Combine flour, sugar and salt in mixing bowl or food processor and cut or pulse in butter.
Gradually add the milk with a spoon or pulse until you have a stiff dough.
On a lightly floured board roll out as thin as you can.
Cut dough into strips about 2″x3″ and punch lots of small holes in each.
Bake at 300 on lightly greased pan until lightly browned- about 10 minutes.
Cool on wire rack then store at room temperature.

 

Please follow and like us:
Facebook
Facebook
Pinterest
Pinterest
Instagram

15 thoughts on “Swedish flatbread – crackers svedesi senza lievito

  1. Pingback: dal mondo
  2. Ahahahah anche chi non passa da qui da tanto tempo si é sentita un pochino confusa! Splendiquesti… Crackers, del loro nome il mio cervello riesce a ripetere solo la parola crackers 🙂
    Ciao cara, un grande bacio svedese

    1. AhAhAh prometto che non ho fatto colazione con la vodka è solo un gioco, ma son sicura che per quel che mi conosci mi credi sulla parola, un bacione grande a tutta la famigliola della bassa veronese ^___^

  3. Ti conosco grazie all'abbecedario culinario, che ho rispreso al volo con l'appuntamento svedese, dopo aver perso molti treni ed aerei… 😉
    Ci rivediamo a Cipro!! 😀

    1. i Knackeeeee?? ^___^ mi limito a chiamarli crakers che se no mi si attorciglia la lingua, grazie spero che prima o poi la vedrai dal vivo, ciauzzzzz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.