Risotto al tastasal, piatto tipico veronese

risotto al tastasal

risotto al tastasal

Nelle campagne della provincia veronese c’era un test molto diffuso. Infatti per capire il giusto grado di salatura impiegato nella carne macinata e destinata alla produzione dei salami fatti in casa si macinava e condiva la carne con pepe e sale.

Se ne prendeva una dose e una volta rosolata diventava il condimento per un buon risotto detto per questo risotto al tastasal.

Se questo soddisfava il palato degli addetti ai lavori che aiutavano la famiglia a insaccare i salumi per uso domestico allora superava la “prova del 9” e il risotto al tastasal era la cartina di tornasole perfetta.

I salami sarebbero stati messi a stagionare con cura riposti in uno spazio della casa dedicato allo scopo arieggiato e fresco per essere poi oltre che consumati in famiglia anche condivisi in allegria nelle cene conviviali.

Il composto era e viene ancora adesso chiamato tastasal, e lo si trova in macelleria preparato senza conservanti, quindi la tradizione può continuare.

Un tipico piatto veronese sostanzioso, da consumarsi preferibilmente nella stagione fredda dato che accompagnato ad un buon bicchiere di vino rosso valpolicella vi sazierà a dovere già da solo.

Il risotto al tastasal è un piatto popolare molto diffuso nelle cucine dei veronesi ma come in tutte le ricette casalinghe vi possono essere delle varianti.

C’è ad esempio chi usa lo scalogno al posto della cipolla, chi mette l’aglio, chi sfuma con del vino bianco, chi aggiunge noce moscata o cannella per rendere più profumato il risotto.

Ognuno ovviamente crede di avere la ricetta originale  🙂

Io vi lascio la ricetta che ho sempre mangiato a casa mia e che tutt’ora faccio anch’io, ma se capitate alla fiera del riso ne potete trovare una variante (che loro chiamano originale) e una variegata scelta di altri risotti.

Risotto al tastasal, piatto tipico veronese

Ingredienti per 4
350 gr. di riso vialone nano
300 gr. di tastasal
50 + 20 gr. di burro
uno scalogno
un rametto di rosmarino
brodo di carne (circa 500 / 600 ml.  )
reggiano grattugiato miscelato con cannella.

Preparazione : mettere il rosmarino e lo scalogno tritato finemente a rosolare in 50 gr. di burro fino a quando lo scalogno si è ammorbidito.

Aggiungervi poi anche la carne e lasciare finchè è ben rosolata, abbiate cura di rigirarla con la forchetta in modo da sgranarla e favorire la rosolatura.

Intanto portare a bollore il brodo e in un’altra casseruola far tostare il riso con un 20 gr. di burro.

Versarvi in più riprese il brodo mano mano che viene assorbito, quando il riso è a fine cottura aggiungervi anche la carne e terminare la cottura.

Aggiungere abbondante reggiano alla cannella e servire.

risotto al tastasal

Qui vi lascio scorci di Verona

cartoline Verona

Bocche del leone, buche delle lettere in pietra in cui era possibile infilare denunce segrete riguardo in particolare agli usurai.

Si trovano sulle pareti del Palazzo della Ragione adibito a Tribunale fino a non moltissimi anni fa.

palazzo della ragione

Dalla facciata del palazzo vi osserveranno nobili personaggi.

cartoline Verona

Il personaggio qui mostrato si trova sull’arco di via delle fogge e si tratta di Girolamo Fracastoro.

Secondo un’antica credenza, lascerà cadere una pesante sfera sul primo uomo onesto che passerà sotto, non l’ha ancora mollata, ci preoccupiamo?

Please follow and like us:
Facebook
Facebook
Pinterest
Pinterest
Instagram

4 thoughts on “Risotto al tastasal, piatto tipico veronese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.