Risotto al radicchio rosso e valpolicella

risotto al radicchio rosso e valpolicella
Veneto – Verona

Oggi vi do qualche notizia in merito ad una piazza della mia città che è il salotto dove i veronesi si siedono per l’aperitivo piuttosto che per un caffè e dove specialmente l’estate trovare posto non è così scontato. Poi invece vi lascio la ricetta del risotto al radicchio rosso e valpolicella.

La piazza in questione è Piazza delle Erbe, nata come foro romano ha, come si può immaginare una longeva età e già da allora la sua vocazione era quella degli affari economici e commerciali, ma di quell’epoca poco è rimasto, o meglio poco è rimasto a vista, perchè in realtà la parte romana si trova a 4 metri sotto il livello della strada odierna, infatti appena si mette mano a qualsiasi scavo, immancabilmente viene fermato dalla sovrintendenza ai beni culturali e spesso richiuso.

piazza erbe

 Il suo nome Piazza delle Erbe però è dovuto più che altro all’epoca della signoria degli Scaligeri che riqualificarono la piazza in cui a parte gli animali vivi da allevamento……si vendeva di tutto molte erano le bancarelle di cibarie sia di formaggi che di carni e specialmente di verdure con bancarelle di ortolani.

di cui purtroppo ne sono rimaste un paio, nel perimetro della piazza vi erano negozi di stoffe, mercerie, spezierie e orefici, ma vi erano anche sartori e ciabattini, insomma quel che oggi per noi è un vero e proprio centro commerciale.

su un lato si notano ancora gli affreschi delle case Mazzanti che la famiglia nobile omonima ha fatto decorare nel 1500 con allegorie dell’ignoranza, dell’invidia e della prudenza. Al piano terra ora vi sono antichi caffè e osterie che richiamano i turisti e i veronesi a frotte.

Nella piazza vi è anche una fontana detta madonna Verona di cui vi do alcune spiegazioni a riguardo tratte dal sito Veronissima.

Essa è infatti una grande rappresentazione simbolica della stessa città di Verona.

Fu costruita da Cansignorio, ultimo dei grandi signori della famiglia Della Scala, nel 1368, utilizzando una grande vasca termale romana in marmo rosso di Verona e sormontandola con una statua il cui corpo era un originale romano.

La testa e le braccia, mancanti, furono aggiunte al momento della realizzazione della fontana.

Verona risultò quindi raffigurata come una bella regina (mea domina appunto, contratto in madonna, l’appellativo con cui venivano chiamate le nobildonne nel medioevo) il cui corpo, come le origini della città, è di epoca romana mentre capo e braccia risalgono al successivo momento di massimo splendore della città, il ‘300 con la Signoria Scaligera.

 

Nello stelo che regge il piedistallo della statua sono raffigurati i volti dei quattro regnanti della città: il mitico VeroAlboino re dei LongobardiBerengario e nuovamente Verona regina. –

 La Piazza almeno secondo me non ha niente da invidiare ad altre piazze altrettanto belle delle nostre città italiane, ma se fino a non molti anni fa le bancarelle erano prettamente di verdure e prodotti del territorio ora purtroppo ne son rimasti una manciata, sostituiti da bancarelle di souvenir che ben poco hanno a che fare con la città stessa.
Questo è il prezzo da pagare per la globalizzazione che ha i suoi aspetti positivi ma anche purtroppo quelli negativi come quello di rendere tutto omogeneo e poco caratteristico, e in onore a questa piazza che di “erbe ” era ricca ho dedicato la mia ricetta di risotto.
Tutto improntato sui prodotti veronesi a partire dalla verdura che rappresenta l’insalata dell’inverno veronese, il radicchio rosso di Verona dalla forma oblunga e ben accartocciata su sè stessa, si distingue da quello di forma lunga di Treviso e da quello di forma rotondeggiante  di Chioggia.

L’altro prodotto che non può mancare sulle tavole veronesi e che io ho usato per questo risotto è il vino della valpolicella dal rosso rubino e dal sapore asciutto, per continuare con una buona ricotta affumicata e il burro di malga della lessinia, i monti che stanno alle spalle della città e per finire il profumo dell’olio delicato del lago di Garda.

Risotto al radicchio rosso e valpolicella

Ingredienti per 4

350 gr. di riso vialone nano

200 gr. di radicchio rosso di Verona

da 750 ml. a un litro di brodo vegetale

una piccola cipolla bianca

1 bicchiere e mezzo di buon vino rosso Valpolicella

30 gr. di burro

3 cucchiai di olio evo

80 gr. di ricotta fumè della lessinia più altra per finire il piatto

sale e pepe qb.

Preparazione

Grattugiare  la ricotta e prepararne anche una parte a scaglie che decoreranno il piatto finale. Lavare il radicchio, scolarlo dell’acqua in eccesso e tagliarlo a listarelle. Tritare la cipolla e metterla a stufare a fuoco basso con l’olio e il burro fino a quando sarà tenera e trasparente.

Aggiungere il  radicchio, cuocere per pochi minuti fino a quando comincia ad appassire, versare allora il vino e alzare la fiamma per evaporare l’alcool, tornare a fuoco moderato e lasciare cuocere per circa 10 minuti.

Versare il riso lasciandolo insaporire con il radicchio e il vino rimasto per qualche minuto.

Aggiungere a più riprese il brodo vegetale e portare a cottura, a fuoco spento versare la ricotta grattugiata e una piccola noce di burro per mantecare.

Impiattare decorare con le scaglie di ricotta fumè, girare con un filo d’olio e una spolverata di pepe macinato al momento.

risotto al radicchio rosso e valpolicella

Please follow and like us:
Facebook
Facebook
Pinterest
Pinterest
Instagram

14 thoughts on “Risotto al radicchio rosso e valpolicella

  1. Verona e' una gran bella citta' e adesso che ci penso e' una delle citta' italiane che ho visitato piu' spesso negli anni. Anche alla mia dolce meta' piace molto. La ricotta fume' sul risotto mi ricorda qualcosa 🙂 E il risotto stesso e' perfetto. Adesso che il radicchio si trova facilmente anche qui, lo faccio anch'io, per la gioia della suddetta meta' (che tende a mangiarsene doppia porzione).

  2. Rosetta – allora sai già delle nostre belezze ^______^

    Alessandra – two meglio che one ;-))

    Erica – certo, cerchiamo di non farci mancare niente 😉

    Ale – grazie !

    Libera – wouuuu Liberuzzz, ma correvi pure in bici??? sei la forza della natura in persona!!! la fotina evidentemente le è piaciuta molto ^ __^

    Simona – la fatica ne vale la pena, ne uscirà una bellissima raccolta, ciauzzz

    Saretta – ok…ti concedo una goccia di sangue veronese ^____^

    Simona – oh mi dispiace non ti volevo stendere…..qua la mano che ritiro in piedi……

    Fiammy – ciaoooo Fiammy, che bella sorpresa il tuo passaggio, grazie e un sacco di baci e auguri!

    Barbara – ti ho resa consapevole delle bellezze veronesi ^____^

    Francesca – quindi avrai avuto occasione di vedere questa bella piazza, grazie dei complimenti e bentrovata, ciauzzzzz

    Aiuolik – ma …ma ….quando sei venuta eri in passeggino??? bussa che ti apro volentieri, bacio!

  3. Ma perché quando ho visitato Verona ancora non ti conoscevo? In realtà non esisteva neanche il blog e neanche Internet 🙂
    La prossima volta busso a casa tua e mi porti in giro!!!

  4. Verona è bellissima, era la città del mio papà.
    Complimenti per il post e anche per la ricetta, gustosissima!!!
    Francesca

  5. Mi ricordavo la piazza (e la statua) ma non sapevo tutte queste cose.
    Hai ragione, la globalizzazione ha i suoi limiti, quale luogo non ne soffre?
    Mi hai fatto venir una fame… Ho lo stomaco che brontola! Un bacione

  6. Oggi trovo risottini uno più bello dell'altro…complimenti per il reportage e per la ricetta, farei follie per il radicchio…e quel tocco ricotta fumé mi ha…stesa!!!! Bravissima
    simo

  7. Quanto amo la tua città Marta!Dopo quel mio periodo veronese mi sento un pizzico veronese anch'io sai?E questo gustoso risotto non posso che amarmo a sua volta!
    Un bacione nostalgico
    Sara

  8. Bellissimo racconto e bellissimo post! Grazie per l'impegno, il contest è uno dei più impegnativi del momento, me ne rendo conto! Avete dimostrato tutte passione ed 'attaccamento' alle proprie città ed alle proprie tradizioni, e questa è una cosa molto bella! La ricetta poi, è da provare, mi fa venir fame già a guardare la foto!!! Grazie, attendo il tuo indirizzo per spedire il libro! Simo!

  9. Adoro Verona, quando correvo in bicicletta la frequentavo spesso tra una "scarpinata e l'altra (monte Baldo in primis).
    Quelle scaglie di ricotta affumicata ci stanno d'incanto.
    A proposito, ho notato che l'avatar di "aerre"(il tuo ultimo follower) ha utilizzato una mia foto…ma non hanno fotine loro da usare? Boh..

  10. Vivi in una citta' davvero bellissima, grazie per le foto, e per il risotto, al radicchio mi piace tanto, ed al vino rosso pure, ma non l'avevo mai fatto con tutti e due :-).

    Ciao
    Alessandra

  11. Stupenda ricetta e complimenti per il bel reportage che hai fatto di Verona che un poco conosco anch'io (mio genero è veronese).
    Sei stata bravissima.
    Mandi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.