Cena minimalista

Ieri pomeriggio ero, per forza di cose, di ramazza, e allora……sistemare il disordine….. spolverare ……pulire tappeti…..pavimenti ecc. ecc. cioè tutte quelle cose noiose e ripetitive che comunque ci evitano di allevare acari e simili. Quando ho finito era ora di cena e di mettere in funzione il fornello non ci pensavo proprio, la mia metà era fuori a cena, eravamo io e mia figlia, che non aveva molta fame……e dato che, quello che non manca quasi mai nel mio frigo è il formaggio, ho pensato al classico pasto veloce. In settimana, nella cesta dell’ ormai conosciuto bioexpress mi è arrivato un mango e il rabarbaro che vedete lì sotto…….due prodotti che nella mia dispensa non bazzicano per niente, specialmente il secondo il quale però è nei miei ricordi perchè la mia cara nonna amava le caramelle al rabarbaro dal gusto amarognolo, me le offriva sempre, ma le succhiavo un po’ e poi le buttavo. Un bacione alla mia nonnina in qualsiasi posto sia, ma io so che sicuramente è vicino a chi ha amato e dato che sono credente, non può essere altro che in paradiso. Non ho più sentito parlare di rabarbaro, da allora e tanto meno sapevo che aspetto avesse. E’ stata davvero una sorpresa, lo immaginavo come una radice e invece è somigliante al sedano, ma perlopiù rosso come vedete qui sotto.

Le ricettine consigliate erano per una torta, per un tortino salato con taleggio,per la confettura con le fragole e per un ragù di carne, quest’ultimo mi attirava, ma poi non mi sono azzardata, sarà per un’altra volta. Anche per il mango vi era una bella serie di ricettine dolci e salate, ma alla fine ho optato per la confettura di rabarbaro e il chutney di mango e mele in funzione di qualche cenetta fredda con tagliere di formaggi.

La ricetta delle due preparazioni:

Chutney di mango e mele
I chutney appartengono alla cucina indiana e sono solitamente composti agrodolci a base di frutta, verdure e spezie che accompagnano le pietanze.
A questo composto io ho abbinato un caprino sardo di media stagionatura, ma credo che anche altri formaggi abbastanza stagionati ci stiano bene.
Ingredienti: 100 gr. aceto di mele , 60 gr. zucchero , 50 gr. cipolla ,1 mango ,1 mela,130 gr. albicocche secche, 1 lime , 15 gr. zenzero fresco , 1 bastoncino cannella , 1 stellina anice stellato , un pizzico di noce moscato, cardamomo 6 capsule (io non lo avevo), peperoncino 1 punta –
Preparazione:
Tagliare a julienne la buccia del lime e farla sbollentare. Sbucciare il mango e la mela e tagliare la frutta a dadini piccoli. Tagliare le albicocche e la cipolla a dadini. Sbucciare lo zenzero e affettarlo sottilmente. Avvolgere tutte le spezie in un pezzo di garza e chiuderla con dello spago da cucina. Portare a ebollizione l’aceto insieme al succo del lime e lo zucchero, far bollire per 2 minuti di modo che lo zucchero si sciolga. Aggiungere gli altri ingredienti più 20 cl di acqua. Coprire e cuocere a fiamma bassa per un’ora. Io lo adoro, è un connubio di sapori veramente aromatici.

Marmellata di rabarbaro con fragole


500 g di rabarbaro
250 g di fragole
succo di un limone
500 gr. di zucchero
1 cucchiaio di rhum (che non avevo)
A questo composto non speziato, ho preferito sempre un caprino, ma più fresco e comunque credo che altri formaggi freschi stiano bene.
Lavate il rabarbaro, togliete i suoi filamenti e tagliatelo a pezzi di circa 2 cm. tagliate anche le fragole e versate il tutto in una ciotola, fate macerare con lo zucchero ed il succo di limone per 4 ore.Versate poi nell’apposita pentola e fate cuocere a fuoco basso mescolando spesso.Quando lo zucchero si è ben disciolto, alzate un po’ la fiamma e fate cuocere fino a quando la marmellata si è addensata ma rimane ancora morbida da scivolare facilmente su un piattino. Togliete subito dal fuoco,( aggiungete il rhum, se l’avete) amalgamate bene e fate raffreddare per circa 10 minuti, e sistemate nei vasetti perfettamente puliti.Chiudeteli subito con la marmellata ancora calda e conservate in luogo asciutto e buio fino al momento dell’uso, in realtà l’uso è frequente che il buio se lo sogna. Il rabarbaro non è per niente amaro e la salsa dolce ha un buon retrogusto alla fragola.
Ora aggiungiamo una buona insalatina mista e la cena è pronta.

Please follow and like us:

13 thoughts on “Cena minimalista

  1. non ho mai preparato salse da accompagnare ai formaggi….eppure sono un antipasto cos’ frequente….mi sa che devo rimediare! Grazie per le ricette!

  2. Bellissima cena, complimenti per le due salsine, chiamiamole cosi’…mi intrigano molto le copio, proprio oggi ho visto del rabarbaro rosso rosso al mercato…:)))

  3. E per fortuna che non avevi voglia di metterti ai fornelli….e quando hai vogliae non hai fatto le pulizie di primavera cosa combini??? 🙂

    Mi piacerebbe tanto trovare il rabarbaro, ho visto delle ricette di crostate troopo carine….
    Buona domenica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.