gnocchi di polenta….e visita al molino

L’ultimo sabato di gennaio, io Crii, Brii, Aldarita, e Mika, ormai da noi ribatezzata Letissssssia, ci siamo incontrate, son passata alla stazione dove da un berrettino giallo viola ho riconosciuto Letissssia, provieniente da Padova e con lei siamo passate a prendere Crii, per poi trovarci in un bar a far colazione con Brii e Aldarita, che non ha il blog, ma abita vicino a brii e …per adesso si diverte a visitarci nella blogosfera, chissà che poi decida di diventare dei nostri. L’escursione prevedeva una valanga……di ciacole (chiacchere), la visita del molino di Caprino, paesello alle pendici del monte baldo che si specchia, in questi giorni pieno di neve, nel lago più bello d’italia, il lago di Garda ( come brii dice sempre) e una buona pizza in compagnia, giusto per non fermare quella valanga di cui parlavo prima. Il molino non ha ruote che girano, e nemmeno è parente del mulino bianco, ma solo una scritta gialla sopra la porta d’ingresso, su sfondo rosso… MOLINO.

Appena entrati appeso da un lato troviamo un inno al pane, (foto pessima su in alto) un pezzo di storia italiana….poi va bè l’autore….per noi italiani è una conoscenza che avremo preferito non conoscere….ma questa è un’altra storia.

 

 

Seppur piccolo, in questo molino trovi di tutto…farine di tanti tipi…. farro, integrale, semola rimacinata, kamut, farina gialla, fioretto, ecc. ma anche semi, di lino, girasole, sesamo, papavero, insomma un piccolo mondo di balocchi farinosi ;-))

Poi il titolare ci ha fatto vedere dove macina il grano particolare, raccontandoci che un signore è riuscito a trovare del grano della fine del 1800 con sentore di vaniglia, lo coltiva e se lo fa poi macinare per sè e per regalare ai propri amici a Natale.
La vecchia macina recuperata dal titolare è quella che ha l’onore di macinare granaglie particolari tipo appunto il grano di cui vi parlavo prima e che vedete qui sotto.

 

 

 

 

E queste sono la macina, che abbiamo visto in moto apposta per noi, e la macchina per suddividere le farine in ordine di spessore attraverso una maglia fitta di metallo che muovendosi avanti e indietro fa cadere sotto la farina……insomma un mega colino ;-)))

Dopo aver sfinito il titolare del molino, che per fortuna era in vena di assecondarci, nonostante l’andirivieni di clienti, con vari ohh ..e quello cos’è….e quest’altro? ah ma quello lo voglio anch’io…
e i semini, ma quanto sono belli…prendiamone un po’…..era ora di pappe e ci siamo avviate alla pizzeria per concludere pranzando il nostro chiacchericcio….salvo accorgerci che si era fatta l’ora di liberare il locale per la chiusura pomeridiana….a quel punto ci siamo salutate e divise …chi… Brii e Aldarita, se ne andava sulla rocca di Garda a piedi…..chi .. Letissssia doveva riprendere il treno per quel di Padova e chi….Crii e io, decide strada facendo di fare una puntatina al plurimix ….. per poi perdersi sulla tangenziale non vedendo l’uscita….forse l’hanno spostata…..chi l’ha vista…..va bè non demordiamo e proseguiamo….. praticamente eravamo quasi tornate a Verona e non ce ne siamo accorte…..che sia stata colpa di un’ esile scambio verbale oltre che stradale…??? mmmmma.

Fatto sta che stavolta aguzziamo la vista e …opplà siamo nel parcheggio del centro commerciale, in cui si trova il negozio….tempo di lasciare con mossa azzardata, breve contromano, ma fulminea e la macchina è nel posto liberatosi.
Stampini …pentole…pelatutto… e di più erano a nostra disposizione. Saziate di questa vista, decidiamo che è ora di tornare…Thelma e Luise si salutano …….. alla prossima. AHHH stavo dimenticando….a proposito di farine …..qui vi lascio con un piatto di gnocchi di farina di mais, o polenta che dir si voglia !!!

 

Questi gnocchi sono nati per caso, alla solita domanda ” che faccio oggi?” mi son detta – non ho voglia di pasta, mi mangerò formaggio e insalata, poi aperto il frigo per prendere appunto le 2 cose, ho visto la polenta e le verdure avanzate la sera prima…..più sopra c’era la salciccia, fatta in casa da papà, che compra mezzo maiale da un contadino per farne salami vari,e che poi regala anche a noi……… come si suol dire 1 + 1 +1 fa gnocchi di polenta alla salciccia e verdure.

gli ingredienti : le dosi non ve le do…..dato che è un piatto di recupero post cena che mi son fatta il giorno dopo……..dalla polenta ho ottenuto 10 sfere come noci, dell’insieme di broccoletti e parte bianca di bietole coste,(quelle avanzate dalla torta nuda) ne ho usati tre cucchiai, e della salciccia fresca 2 fette spesse , aglio, olio e sale.

Preparazione : tagliate la polenta con lo scavino rotondo, se non l’avete………..uscite e andate a comprarlo ;-)))………..ma se proprio non vi volete schiodare per niente, allora tagliate a cubetti, che tanto gli spigoli in bocca si arrotondano da soli. I broccoletti li avevo passati in padella con olio e uno spicchio d’aglio, la salciccia l’ho messa a sfrigolare senza niente in un padellino antiaderente.
Mescolato tutto insieme nel medesimo padellino, poi impiattato e uhmmmmm gustato!!!!

Please follow and like us:
Facebook
Facebook
Pinterest
Pinterest
Instagram

32 thoughts on “gnocchi di polenta….e visita al molino

  1. Mi domando e dico…Come si fa dopo una colazione abbondante, guardare questi gnocchi ed avere fame?????
    Buoni!… Complimenti!Ti abbraccio 😉

  2. Elga : pure le votazioni? vengo a vedere…

    Stellina : su su…a fare la spesa :-))

    Letisssiaaa : spero di sì, bacio a te.

    Paciugo : facci un giretto…vale la pena, ciao!

    Cibou : giuste considerazioni… bacioni!

    Pippi e Cannelle: organizziamo un pellegrinaggio al molino?? ;-)))

    Luca e Sabrina :verrei moooolto volentieri a Soave…. chissà….. se ci riesco, baciiiii!!!

    val : grazie per l’invito….. vediamo il consorte se si libera…

  3. Abbiamo letto della vostra magnifica avventura da Brii,tanto che ci siamo appuntati la località di Caprino. Il mulino, la Plurimix, il negozio con tutto quel ben di Dio e per finire questi gnocchi di polenta….che abbuffata di cose magnifiche! Certo che aprendo il frigorifero la fantasia ti si è scatenata, questo piatto di gnocchi è talmente succulento che basta guardarlo e sentire fame. Astro, sei unica al mondo.
    Noi saremo a Soave sabato, che bello prendere e partire, non vediamo l'ora che arrivi il fine settimana!
    Un bacio da Sabrina&Luca

  4. che comitiva!!!

    mamma mia, io mi sarei incatenata a quel mulino!!! be’, no, considerando come tappe successive le chiacchiere davanti ad un caffe e Plurimix, forse sarei riuscita a schiodarmi dopo un paio d’ore :)))

    Gli gnocchi di polenta sono golosissimi….. 😀
    Ciao!

  5. …ops è vero c’è anche quel centro commerciale! Io non ci vado mai … al max arrivo a Verona 1…
    E va bhe dai…la prox volta fattemi un fischio però 😉 ciao…

  6. Sì, lo scavino nel cassetto c’è ma mi mancano gli altri ingredienti!?! Molto interessante la visita al mulino

  7. crii : ma certo, ci completiamo a vicenda, baciusss

    Aldarita : curiiiiioooosaaaaaaaaa ;-)))) ti metto il link…giusto per stavolta ehhhhh!!!

    Tati : grazie a te, per la raccolta… chissà che qualche volta ci sbattiamo addosso ;-)))

    Dò : ciao tesora, sapessi quanti Big guardano disorientati le nostre cucine ;-))) ma noi… imperterrite non ci facciamo caso anzi, ci manca sempre qualcosa, vero??? hai fatto uno scatolone di farine …^_____^

    Valina : ma come in che paese è…;-)) a Caprinooooo, ciao!

    Mirtilla: ma grazieeee, dolcezza.

    Lo : l’ha fatto per il tuo bene… l’invidia fa venire le rughe ;-)))

    Nini :grazie a te e bentrovata!

    Anna :davvero,allegra e che ti fa star bene.

    Lenny : ah ma allora c’eri anche tu
    …..mi sembrava che qualcuno ci inseguisse ;-))

    saretta : l’idea dell’improvvisazione ha funzionato.

    Paciughino : l’accendiamo?…sìì? mi dispiace la risposta è sbagliata
    per penitenza,vai a studiare il post e troverai la risposta ;-))

    Aldarita : ahh, ma ancora qui sei..
    anche tu per penitenza ….subito a rileggere il post..su su via…

    Brii : davveroooo…allora bisogna organizzare altra incursione blogghifera… a chi toccherà stavolta tenerci a bada?? alla prossima, baciussssssss!

    Fastidiosa : ma ciao, bentrovata appassionata farinosa.

    Fra : è proprio l’ora….mangiamo insieme? bacioniiiii!

    Pupina :condivido in pieno, ben arrivata, ciao!

  8. Che meraviglia quei pacconi di farine, potrei passarci pomeriggi interi in posti così!
    E poi l’incontro con le altre… belle, son quelle belle giornate che lasciano ricordi piacevolissimi!

  9. martaaa..che bel reportage!! :))
    grazie è stata una giornata bellissima.
    ah..la prossima volta prima di andare al plurimix dimmelo…
    so io dove portarvi! :))))
    più grande, più bello, più meglio!
    :)))))
    baciussss

  10. Ops, scusami, l’ho riscritto (più o meno) perchè pensavo di aver fatto qualche pasticcio con il pc e non ricordavo che invece viene postato dopo l’approvazione… Imparerò mai???

  11. Ma dov’è quel negozio? Potrebbe essere meta del prossimo incontro, ora abbiamo le farine, servono gli stampi dove dar loro forma ( si, certo, a casa ne abbiamo pochi…). Ottima anche la cena di avanzi.

  12. Dal tuo simpatico racconto, mi è sembrato di stare con voi in allegria, a visitare con curiosità ed interesse il molino.
    Buonissimi gli gnocchi con la polenta: i piatti dell’ultimo momento sono i migliori.
    Ciao

  13. no oltre la visita al mulino quella alla plurimix———-la golsoastra mi aveva tenuto nascosto questo particolare….ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh invidia!

  14. Interessante post!! Ma in che paese è questo Molino?Perchè io sono del lago di garda..e dato che sono ipercuriosa su tutto qll che riguarda il cibo…:-D

  15. Che bel racconto, mi piacciono molto i negozi stracolmi di cose da cucina, ne ho delle piu’ svariate e inutilizzate, a volte Big entra in cucina e guarda con occhi stupiti il mio ennesimo acquisto…e questo cosa sara’ mai si chiede difronte aggeggino strano.
    Gli gnocchi di polenta posso farli anch’io, me la sono portata, la salsiccia buona pero’ non c’e’, faremo con quella mercenaria…grazie!

  16. Wowwwwww invidia… anch’ioooo volevo esserci… ci sono stata qualche volta al molino e anch’io lo pensavo con le pale e il ruscellino che le faceva muovere ahahha quanto mi mancano le scorrazzate con brii sigh!!!
    Bellissimi questi gnocchi riciclati in maniera strepitosa e grazie Astrofiammante di aver partecipato alla mia raccolta baciusssss come dice la mia amica brii :))))

  17. Ma dov’è sto negozio??? Volete tenerlo solo per voi? Magari può essere un posto d’incontro per la prossima rimpatriata, la prima volta il mulino, la seconda gli stampi per dare forma alle farine… Simpatica la cenetta di risulta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.