tagliolini agli agretti in salsa di pistacchio

Please follow and like us:

Come vi dicevo in un paio di post fa sto facendo incetta di agretti giusto perchè li si vedranno ancora per poco dal fruttivendolo e dopo averli provati come contorno,  gratin e anche in versione orientale ora ne ho fatto una preparazione come primo piatto. Adesso ho le varianti a cui riferirmi per la prossima stagione ^___^

Ingredienti per 2 : 180 di tagliolini all’uovo freschi, 3 forchettate di agretti (presi da un mazzetto di agretti già cotti), 3 cucchiai di pistacchi al naturale, qualche goccia di tabasco, olio, sale.

Preparazione : mettere a bollire l’acqua per la pasta,  tostare i pistacchi in una pentola antiaderente prenderne metà pestarli con il batticarne e metterli da parte il resto frullateli aggiungendo qualche goccia di tabasco per contrastare il dolce del pistacchio e poco alla volta un po’ d’olio per rendere il tutto una salsa fluida, salare, pepare e  versare in una padella dove poi  far saltare gli agretti regolando di sale e olio. A seguire versate anche la pasta scolata e rigirate per amalgamare con le verdure. Una volta impiattato decorate con il pistacchi messi da parte e un filo d’olio.

 

Please follow and like us:

9 thoughts on “tagliolini agli agretti in salsa di pistacchio

  1. ciao a tutte e due, grazie dei complimenti. A me piacciono molto questi piatti e li ho visti solo verdi e azzurri, viola saranno davvero un bel tocco di colore nelle vostre foto. Buon fine settimana a voi!

  2. Che buona questa pasta, ci piace un sacco! Fotografie stupende e…quel piatto lo abbiamo anche noi, ma in viola 😉

  3. Allora, da dove comincio? Ricetta invitante e foto bellissime. Ma soprattutto bellissimo il tuo blog: ne condivido il colore, l'ottimismo e lo spirito. Ti ho visto tra le bloggalline e mi ha attirato inizialmente il nome del blog: è esattamente quello che dice mio marito ogni volta che partiamo, utilizzandolo come giustificazione alla sua voglia continua di mangiare. Cmq, piacere di averti trovata. Ti inserisco in home nella mia blogroll!

    1. buongiorno collega piumata 🙂 condivido pienamente tuo marito e son convinta che anche il cibo contribuisca ad avvicinarci senza pregiudizi. ciao e ben trovata !!!

    2. Ma sono assolutamente d'accordo! Il cibo ci racconta di un posto molto più di quanto facciano i libri; ci dice della ricchezza, delle abitudini, del territorio e della convivialità dei popoli. Mangiare viaggiando, è un modo intimo per conoscere un luogo fino in fondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.