Helsinki – Finlandia

Premetto che la Finlandia non è mai stata una meta dei miei sogni, ma data l’occasione che si presentava relativamente ad andare a far visita al figliol prodigo, ne abbiamo approffitato. Viaggiare è sempre stimolante e appagante. Quindi partiamo da Verona con cambio a Francoforte per arrivare a Helsinki, e scorgere dall’alto che non c’è neve, ma ancora i laghi ghiacciati…..
arrivati all’aeroporto di Helsinki, bisogna raggiungere la stazione e farsi tre ore di viaggio per raggiungere Jyväskylä e ……..
…. rivedere così i laghi con i boschi che fanno corona, dal treno .

Freddo è la parola d’ordine in questa città, a Jyväskylä nevica anche in aprile, poi si scioglie subito e questo vuol dire che sta per arrivare la primavera. (sottovoce, io non ci starei manco un’ora di più di quel che ci son stata…1 giorno) Per fortuna ci ha risparmiato e ci ha regalato solo freddo ….da – 2 a + 3 gradi con vento di contorno. Vi lascio vedute panoramiche prese da una torre su una delle colline della città posizionata accanto al museo degli animali locali.

Vi è più di un lago nei dintorni che diventano piste da pattinaggio …. oppure capita di vedere in lontananza, in mezzo al lago, qualcuno seduto su un seggiolino….che ti fa dire ops ..e quello che ci fa là…..poi guardando meglio si vede che ha in mano un bastoncino che in realtà è la canna da pesca. Trivellato il ghiaccio per fare un buchetto, si mettono a pescare.

Quella sullo sfondo è una delle pochissime discese da sci che ci sono in Finland, dato che è per lo più un paese piatto, e mio figlio se la trova giusto dietro casa, quindi può approffittarne. Il centro città non è niente di particolare, ma nel quartiere residenziale che vedete qui sopra invece vi sono queste casette tutte di legno ben tenute e colorate che sembrano il villaggio di Hansel e Gretel 😉

Ed ecco le casette viste camminandoci in mezzo. …. e i due fratelloni si sono ritrovati …..

…..un idillio a corrente alternata….tenerezze e dispetti come da tradizione fra fratelli vuole 😉
…………ma ora venite e entriamo nel museo, vediamo chi si fa fotografare…..tutti in posa senza fiatare ^_____^
il gatto selvatico……………
il lupo………

…… le oche selvatiche

e loro?? non mi ricordo

…………..l’orso bruno

…..l’alce, che io pensavo come una renna, in realtà molto alta….un cavallo con le corna e il muso somigliante ad un cammello,ma forse è meglio se guardate la foto….

il salmone……

civette o gufi???

fine del giro, vabè …non sono molto esperta di fauna in genere, non vi so dire di più.

però lui era lì che saltellava qua e là e sicuramente era contento di non essere al calduccio del museo.
Il giorno dopo nel pomeriggio riprendiamo il treno e torniamo a Helsinki……e arrivati e liberatisi dei bagagli, facciamo una breve incursione ai magazzini più noti, che avevamo a pochi passi, i magazzini stockmann….
 la sera ci accomodiamo ad un ristorante storico di cucina tipica finlandese, il Kosmos mangiando chi filetto di renna….chi salmone… chi (io) polpette di funghi con barbabietole al forno e crème fraiche e chi agnello…..

 la mattina successiva, ci accoglie con un vento gelido che mi sezionava meglio di una tac……
e la città era praticamente deserta…..probabilmente era un giorno festivo……ma non abbiamo indagato……

guardiamo all’insù, i particolari dei bei palazzi che incontriamo passeggiando…

a volte dai colori pastello o colori forti….

a volte con questi angoli tondeggianti simili a torri…..

 

e che dire di questi portoncini……

alcune vie dedicate agli animali….in finlandia si parlano indifferentemente il finnico e lo svedese, quindi anche le indicazioni si trovano bilingue………

e arriviamo alla rossa Cattedrale Ortodossa di Uspenski del 1868, ed è la più grande chiesa ortodossa dell’Europa occidentale, purtroppo l’abbiamo trovata chiusa….
però troviamo aperto il museo del design , dove sono proibite le foto ;-( …….per consolarci compriamo questo acchiappamosche – moscone nero di pelle………

 attraversiamo un piccolo parco, dove si trova l’osservatorio astronomico…..
e arriviamo al porto…..

dove vi è questo bel veliero e pure l’acqua ghiacciata….la giornata è meno uggiosa e sembra che possa uscire il sole….

ci imbarchiamo su un piccolo traghetto che in venti minuti ci porta a visitare l’isola di Suomenlinna…..

nel giro di pochi minuti di navigazione ci troviamo nella nebbia…..altro che il sole ;-(

Questo è l’ingresso, alcuni isolotti collegati da ponti sono l’ambiente in cui si trova la fortezza di Suomenlinna, ora patrimonio dell’unesco, nacque durante la dominazione svedese con l’intenzione di fermare l’invasione russa….anche se comunque non servì a molto, potete leggere un po’ di storia in italiano qui

La fortezza non è solo un museo, oggi ci sono circa 900 abitanti permanenti sulle isole, e 350 persone che vi lavorano tutto l’anno. L’Accademia Navale di Finlandia si trova su una delle isole.

le mura della fortezza che la circondano….

la chiesa che nella sua sommità fungeva anche da faro……….

i cortili dei palazzi al suo interno………..perchè in effetti era un vero e proprio villaggio…

vecchie case della guarnigione russa……

gruppo dagli occhi a mandorla molto freddolosi si tuffano in questa casa trasformata in piccolo bar……

uno dei ponti che collega i vari isolotti……….

e le prigioni alla sua destra……..

gli aggressivi cannoni che oramai per fortuna sono innocui e inutili, ma testimoniano la storia finlandese…..

un vecchio sottomarino finlandese, chiamato Vesikko. …………..

ogni simile ama il proprio simile…..anche con gli stivali 😉

vari bunker…..

e il cantiere navale ancora operante…….in particolare per riparazioni di velieri……..fine della visita…..

torniamo al porto di Helsinki praticamente alla piazza kauppatori con il palazzo presidenziale azzurro e il mercato coperto rigato di rosso e giallo, mentre sullo sfondo si vede la grande cattedrale luterana……

il palazzo presidenziale con la guardia……

torniamo in albergo e decidiamo di darci all’etnico. Scegliamo un ristorante nepalese “Il monte everest” …..fantasia nepalese ;-)) le ore di luce qui oramai hanno superato le nostre, per cui usciamo per ora di cena e vi è ancora molto chiaro.

nell’attesa qualcuno si diverte ad immedesimarsi in saluti pseudo orientali…..

il ristorante crea atmosfera orientale e quel che conta ….. è pulito e ordinato……..

con gli antipasti ci arriva il pane – naan….che non avevo mai mangiato e ho gradito molto, anzi se non mi sbrigo c’è chi gradisce molto più velocemente di me……..

questo era il mio antipasto…..avevo ordinato un piatto in cui c’era del pollo….giusto per non ritrovarmi qualcosa di troppo strano….e mi arrivano questi bocconi rosso fuoco…..come farò….dopo il primo boccone potrei rapare a zero chi mi sta di fronte….non mi resta che tagliarne qualche millimetro e assaggiare……ohh ma che sorpresa… non sono affatto piccanti come pensavo, non ho capito cosa fosse quel colore, ma erano buoni…..forse è meglio essere ignoranti. Passo poi a quella salsina innocua, sembrava frullato di kiwi…..e senza tentennamenti imbocco……… acccidentiiiiii …….. traditriceeee…. era lei la piccante!!!!

per secondo ho ordinato un piatto vegetariano e mi è arrivata una porzione mega…….riso bianco…

la salsina traditora….insalata fresca….stufato di lenticchie…..verdure stufate con cubetti di paneer (formaggio) e raita, che è la salsa a base di yogurt, tutto buono ma esagerato per il mio stomaco.

Il mattino seguente, prendiamo il treno di nuovo e andiamo a visitare Turku, la capitale prima di Helsinki.

 La sera, tornati a Helsinki, cerchiamo un ristorante russo…..ma di lui neanche l’ombra…..e allora in un remember delle scorse vacanze americane, ci indirizziamo per la concorrenza e ci avviamo alla steakhouse, in un bel localino in stile moderno, accogliente e con camerieri giovani e spigliati, dove abbiamo mangiato bene consolandoci della giornata…..la serata è limpidissima e la temperatura che occhieggia da un rilevatore luminoso su di un palazzo segna 1 grado!

Il giorno dopo, nel primo pomeriggio prenderemo l’aliscafo per Tallin, di cui vi farò un post più avanti……. dopo due giorni torneremo, perchè l’aereo lo dobbiamo prendere qui….e dato che partirà alla sera facciamo in tempo a farci un altro giro e a fare compere…….

la mattina è una bellissima giornata e la cattedrale è splendente….

….anche il mercato gastronomico è aperto…..perciò venite a vedere che vendono qua dentro….

frutti di bosco e petali di violette…………..

le uova di pesce…….chele di granchio giganti…………

aringhe, salmoni e anguille affumicati…….

un intero banco dedicato al salmone marinato con aneto….pepe…..o tutti e due…..tutto fresco e molto a buon mercato rispetto a quel che si paga qui………

marmellata di more artiche e altre bacche…………

Dolcetti squisiti fatti giornalmente…………che dite….meglio uscire per non farsi troppo male, seppur con dolcezza……..

sempre lì nella piazza del porto, si tiene anche un mercatino….

corna di renna….coltelli….

tazze tipiche dei lapponi……..e ornamenti fatti a mano……..

bambolina con abiti lapponi….per combattere il freddo……

e cappelli di panno, curiosi ma simpatici………..

questo è Parco Esplanadi nel centro della città è luogo di numerosi eventi, naturalmente d’estate, è un lungo viale pieno di verde con panchine e ai lati però passa la strada, ma per fortuna pur essendo una capitale il traffico è limitato in proporzione alla città.

e questa è la fontana di Havis Amanda, perdonate….ma con il sole non mi sono accorta di averla presa solo dal lato B e senza testa……è il simbolo dello spirito marinaro della città …. un po’ quel che è la sirenetta di Copenaghen……….dietro vi è un bel bar ristorante d’epoca primi ‘900.

le vie del centro sono pulite e senza facce strane in giro, i finlandesi sono piuttosto riservati, ma se chiamati in causa molto gentili. La sera precedente la partenza, siamo stati in un ristorante lappi, una vera atmosfera lappone ci ha accolto da subito, dentro è tutto di legno, molto rustico e le cameriere vestite come la mia bambolina, questo l’antipasto che abbiamo preso.

Vi aggiungo quel che mi son dimenticata di farvi vedere….nel post delle compere

un barattolo di fiocchi di sale affumicato…..

un tagliacarte di osso….di chi….? il disegnino risponde

E ora …piccola escursione in Lapponia, dove è andato mio figlio a fine marzo e a cui ho rubacchiato qualche fotina che vi faccio vedere qui…..

una volta arrivati sul posto a Inari, hanno svolto un attività di orienteering nella foresta, dotandoli anche di questo trivellino per provare poi a pescare….e mo’ magni….;-)

loro invece sono i sami, pastori di renne……

e lei ne è un bel esemplare….

Queste sono le loro case……
e pure queste……in questa capanna…..

 
la signora che vedete qui, li ha intrattenuti con un loro tipico canto, accompagnandosi solo dal tamburo….e adesso per finire, vi saluto con madre natura in uno dei suoi più bei spettacoli….l’aurora boreale…….che in quel periodo assume questi colori……..

Per quanto riguarda Helsinki e dintorni, ci possiamo fermare qui…..la prossima puntata sarà dedicata a Tallin, un vero bijou.

5 thoughts on “Helsinki – Finlandia

  1. Pingback: Viaggi
  2. Mestolo e Paiolo ha detto…
    kauniita paikkoja, kauniita valokuvia, että kateus! ^__^
    Stefano
    28 aprile 2009 21:54

    Rispondi ↓

    MammainCina ha detto…
    Ma che bellezza…non la consideravo la meta dei miei sogni, ma ci sto ripensando…l'aurora che spettacolo, e le casette, e tutti i tuoi acquisti gastronomici…quelli te li invidio molto!
    29 aprile 2009 13:11

    Rispondi ↓

    camalyca-la mucca pazza ha detto…
    Spettacolo!
    Voglio andarci anch'io!
    Baci baci!
    29 aprile 2009 13:20

    Rispondi ↓

    sciopina ha detto…
    bellissimo il tuo viaggio!attendo con curiosità le foto di tallin mi piacerebbe fare questo itinerario in estate..
    29 aprile 2009 13:55

    Rispondi ↓

    astrofiammante ha detto…
    Saretta – dai …almeno ti faccio risparmiare tempo e denaro ;-)))

    Anna – freddo freddo…siamo tornati e ha ricominciato pure qui,bacio!

    Lenny – …io avrei preferito d'estate, ma apprezzare il bello del momento…è sempre l'approccio migliore.

    Milù – son contenta ti sia piaciuto
    ^_____^

    Artemisia Comina – no…ma sicuramente era chiusa come il castello…

    NIGHTFAIRY – questa te la concedo..
    anzi ti auguro di andarci, bacio!

    Viviana – ciaooo, bella mammina in work and progress…tutto procede bene e chissà che non riusciamo a vederci prima dell'evento magico,bacione!!

    brii – certo, venivo dal porto…a Turku insieme ??? troppo bello sarebbe…ma ancora meglio prendere la Viking line….
    son contenta di esserci stata a Este con la vostra splendida compagnia, speriamo capiti ancora di andare in giro, baciussssssss!

    Rocco – te lo augurooooo ;-)))

    Stefano – …e io che pensavo che la tua seconda lingua fosse el venezian….sai pure il finnico, grazie dei complimenti comunque, ciaoooo ;-))

    Mammago – se ci vai, credo sia meglio d'estate…a meno che ti piaccia di più vedere imbiancato..
    comunque farci un salto vale la pena ^______^ bacio!!!

    camalyca – … ma dove sei finita???? mucchetta dispettosa ;-)) bacioni!

    sciopina – sarà senz'altro un bel viaggio, tienimi d'occhio allora ;-))) bacio!
    29 aprile 2009 15:41

    Rispondi ↓

    Michelangelo ha detto…
    Che spettacolo, ho sempre subito il fascino dei paesi nordici, dei loro miti e bellezze naturali.
    Gran bel reportage, utile per avere un'idea molto dettagliata.
    Poi l'aurora boreale, deve essere davvero emozionante
    30 aprile 2009 16:18

    Rispondi ↓

    Elga ha detto…
    Mi hai regalato un bellissimo viaggio virtuale attraverso il tuo reportage, bellissimo!!
    02 maggio 2009 10:00

    Rispondi ↓

    astrofiammante ha detto…
    Michelangelo – se è un sogno nel cassetto, ti auguro di farlo…di natura qui c'è ne è in abbondanza… ma non solo…ciao e grazie dei complimenti!

    Elga – prepara il camper evvvvvaiiiii
    ^_______^ bacio!!

    Rispondi ↓
    astrofiammante in 30 settembre 2011 alle 16:31 ha detto:
    ELel ha detto…
    Io invece adoro il Grande Nord e la Finlandia me la sono fatta il Capodanno appena passato, a meno venti gradi…Helsinki, Turku e Rovaniemi, bellissime, ma senza aurora boreale, vabbè sarà per la prossima volta, tanto devo vedere la Svezia!! ;-))
    16 settembre 2009 14:48

  3. unika ha detto…
    che posti favolosi anche se freddissimi…un bacio grande:-)
    Annamaria
    27 aprile 2009 11:58

    lenny ha detto…
    Un bellissimo viaggio: penso che in questo periodo dell'anno, la Finlandia dia il meglio di sè.
    Il tuo lungo racconto illustrato e commentato con spirito è molto interessante: bellissime le mitiche renne 😉
    27 aprile 2009 22:49

    Milù ha detto…
    Grazie, grazie mi sembra di essere stata insieme a te in questo splendido viaggio.
    Buona settimana, baci
    27 aprile 2009 23:27

    Artemisia Comina ha detto…
    mi piace, mi piace molto questo giro. ma a Turku c'è anche la vecchia città museo di legno…non ci siete stati?
    28 aprile 2009 08:13

    NIGHTFAIRY ha detto…
    Lo so che é un brutto sentimento..ma che invidiaaaaaaaaa!
    28 aprile 2009 10:15

    Viviana ha detto…
    che belloooooo :)) all'inizio mi stavo infreddolendo poi però alla vista di tutti questi posti meravigliosi mi sono riscaldata davvero!!!
    un bacioneeeeeee
    28 aprile 2009 11:12

    Rispondi ↓

    brii ha detto…
    marta…bellissimo reportage.

    il parco esplanadi me lo ricordo ..e proprio così! la foto l'hai fatto venendo dal porto vero?

    a helsinki..o helsingfors come lo chiamamo nooooi :))))
    ho inizato la mia collezione di bricchetti da latte. ne avevo visto uno in rame in un bar e mi sono innamorata all'istante :))

    daiiii…torniamo a Turku insieme…mi è ciosì piaciutoooo
    e poi prendiamo la viking e andiamo a stockholm!! vuoi???

    baciussss cara
    ps. ma dai che domenica non era poi così male! :))))))
    28 aprile 2009 19:06

    Rispondi ↓

    Rocco ha detto…
    Ciao Astro, senza parole, sai che te dico… partooooo
    28 aprile 2009 21:17

    Rispondi ↓

  4. blunotte ha detto…
    grazie grazie grazie
    mi hai regalato una bella emozione raccontando il tuo bel viaggio.
    26 aprile 2009 10:39

    Rispondi ↓

    aldarita ha detto…
    Dopo tutto il freddo di oggi, mi mancava una gita in finlandia… Notte
    27 aprile 2009 01:11

    Rispondi ↓

    SUSY ha detto…
    wow che bel reportage, mia figlia è stata ad Elisnki e Tallin ottobre scorso, ne è rimasta entusiasta, unica pecca il clima molto rigido rispetto al nostro.
    Adesso ci ritorna a metà maggio.
    Aspetto di vedere il tuo reportage su Tallin…sicuramente meraviglioso.
    Un consiglio….. cosa mi faccio portare, qualcosa in campo culiniario, qualcosa di caratteristico del luogo, è una cucina che non conosco proprio.
    Grazie di aver condiviso con noi queste foto…. con la mente ho fatto un salto in Finalndia anch'io!
    Buona settimana… un abbraccio!!
    27 aprile 2009 04:59

    Rispondi ↓

    Lo ha detto…
    che meraviglia…ma che freddo…gelo….non so se resisterei…eheheh
    27 aprile 2009 08:49

    Rispondi ↓

    astrofiammante ha detto…
    Virò – ma bravaaa, è vero mi ricordava qualcosa, ma mi sfuggiva ….era Pippi Calzelunghe, bacio!

    Giulia – ah ecco cos'erano quelle mollichine di pane ;-))le avevi lasciate tu..ti abbiamo seguito ^__^ dell'affumicatoio..però neanche l'ombra, esaurito anche a Stockmann di Turku…molto meglio così 😉

    pagnottella – i bunker bellissimi, ma un pochino umidini..;-)) sì i petali sicuramente si trovano in qualche piatto,io però non le ho mai trovate…

    Elisabetta – sei andata subito al sodo ehh ;-)) le marmellate sono davvero irresistibili..fai pure con calma, bacio!

    erika – benvenuta da queste parti, ti ho portato un po' indietro nel tempo allora….hai un blog?

    Crii – eravamo proprio cotti…il caldo improvviso ci aveva steso…
    e ci ha preso un po' di barbonite acuta ;-))

    blunotte – prego prego prego ;-))
    son contenta ti sia piaciuto, grazie a te di condividere,

    aldarita – era proprio adatta a completare l'umida giornatina 😉

    SUSY – ciao, benvenuta qui…ti consiglio le marmellate di bacche che da noi non trovi e poi un po' quel che vedi nel post delle mie compere….mentre a tallin, se ti piace il lino hanno delle belle manifatture, dalle tovaglie a cuscini o strofinacci…

    Lo – ma scherzi, sei una galinella forte e con tutte le piume che hai il gelo ti fa un baffo ;-)) baci!!
    27 aprile 2009 09:47

    Rispondi ↓

    Saretta ha detto…
    Che reportage stupendo che hai realizzato!Mi è sembrato un po' come..VIAGGIARE senza spostarmi!
    Grazie mille ed un baciotto grande!
    27 aprile 2009 09:58

  5. Virò ha detto…
    Bello, bello, bello! Mi sono divertita un sacco! Il primo paesino più che quello di Hansel e Gretel mi sembrava quello in cui erano ambientati gli episodi di Pippi Calzelunghe…

    Veramente un bel viaggio ed un grande post: non vedo l'ora di leggere il seguito!…
    25 aprile 2009 21:19

    Rispondi ↓

    Rossa di Sera ha detto…
    AStro, è un post bellissimo!! Grazie per aver postato tante foto! Sono stata a Helsinki 5 anni fa, in agosto, ma faceva più freddo che da noi ora.. Il mercatino l'ho visitato e mi son comprata la pelle di renna ( ora sta davanti al camino!). Stockmann l'ho visitato da cima a fondo e conosco anche Lappi, abbiamo mangiato divinamente!
    Un bacione e buona serata!
    25 aprile 2009 21:43

    Rispondi ↓

    pagnottella ha detto…
    Brrrrrr, ho i brividi 🙂
    Però tutto fantastico, il freddo passa quando a scaldarti ci pensano l'emozioni che ti regalano posti, cultura, usi e costumi diversi…
    I bunker bellissimi!
    I velieri!!!
    E poi le vie dedicate agli animali, mooolto originali!
    i petali di violetta meravigliosi…ma si mangiano?
    Le strade pulite, tutto fila…
    E poi l'aurora boreale!!!
    Che bel regalo ci hai donato 🙂
    Grazie!
    26 aprile 2009 00:56

    Rispondi ↓

    Elisabetta ha detto…
    Oh….Astro!!!ho visionato tutto d'un fiato…ma è stupendo!!!vacanza pilotata,ma incantevole e indimenticabile,direi.Voglio assaporare tutte,tutte le foto,me le guarderò con calma, piu' tardi.Indovina..a parte tutto bellissimo…mi ha colpito la parata di marmellate,le strane pseudo piadine a tavola^;^il mercatino con frutta,pesci..e…dulcis in fundo…..i dolci!!!sono proprio un'inguaribile mangiona;-))buona domenica, cara.Smack
    26 aprile 2009 08:03

    Rispondi ↓

    erika ha detto…
    ciao,
    un tuffo ai miei 25 anni… 12anni fa.
    mi ricordo di un helisinki cosi' bella e da Lappi una cena buona, calda di lapponia.

    grazie
    26 aprile 2009 08:20

    Rispondi ↓

    LaGolosastra ha detto…
    Bel reportage, Marta! Mi sono rugolata per terra quando ho visto la foto del barbone sulla panchina… noi veronesi dobbiamo espatriare per azzardare un gesto simile! Ahahaha!

    BUONA GIORNATAAAA!
    26 aprile 2009 09:12

    Rispondi ↓

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.