nastri di seppia con salsa… a piacere

Ingredienti : una grossa seppia congelata, marinata di olio, limone e sale, polvere di arancia.
per la crema di radicchio rosso: , due cespi medi di radicchio rosso affusolato o veronese, uno scalogno, un cucchiaio abbondante di panna acida( o philadelfia), trito di aromi freschi a piacere, sale, pepe, olio qb.
per la crema di carote : tre carote medie, pizzico di peperoncino, un cucchiaio di panna acida (o philadelfia) menta fresca, sale alle erbe.

Preparazione per la seppia: tagliate la seppia dopo averla scongelata quel tanto da poterla tagliare, ma ancora ben soda, con l’affettatrice. Farla marinare per 10 minuti in un’emulsione di olio, limone e sale.
Passare i veli di seppia ottenuti, velocemente in una padella antiaderente, giusto per un paio di minuti e metterli da parte.
Per la crema di radicchio – Lavare il radicchio, pelare lo scalogno e tagliarli grossolanamente, farli stufare mezzo mestolino di brodo di dado vegetale bio, finchè sarà tutto ammorbidito. Scegliere gli aromi (io ho messo, prezzemolo, maggiorana, basilico e mezzo spicchio di aglio) aggiungerli e frullare tutto insieme fino ad ottenere una crema più sottile possibile. Mettere il tutto in una ciotola e aggiustare di sale, condire con un po’ d’olio (aromatico alla maggiorana) e aggiungervi la panna, mescolare per bene per rendere omogeneo e posarvi la seppia sulla quale verserete un insieme di olio e sale rosso delle Hawai.

Per la crema di carote : pelate le tre carote e fatele arrostire nel crisp (o in antiaderente) cospargendole di sale agli aromi e un filo di olio. Passatele al frullatore, aggiungete un pizzico di peperoncino, la panna acida e un mini trito di menta fresca. Preparate un’emulsione di polvere d’arancia, sale e olio evo e cospargete la seppia posata sulla crema.

Please follow and like us:

19 thoughts on “nastri di seppia con salsa… a piacere

  1. Annamaria – ciao, un bacione!

    pagnotella – ah sì? arrivo 😉

    NIGHTFAIRY – grazie, e a te buona settimana. baci!

    A.O.: aiuolinaaaa, allora le devi provare, sono facili e veloci, bcaione!

    Stefano – a dir la verità non ne conosco il nome….ma tu sei pure cecato…comunque ha la forma di una supposta…sai com’è gli esempi di solito funzionano a chiarire ;-)))

  2. Virò – i sapori dei sali sono delle sfumature, non ti devi aspettare sapori travolgenti, quello che si sente efficacemnte è il sale affumicato. Dovremo fare un corso per imparare ad avere il palato allenato a sentire i gusti più lievi
    …ma questa è un’altra storia ;-)))
    ciao!

  3. Bella ricetta, mi piace. A vederlo da qui, non si vede bene, sono un pò lontano, mi sembra che hai usato il precoce di Treviso. Davvero una bella idea.
    Buona domnica delle Palme.
    Stefano

  4. a me la seppia piace proprio in tutte le salse… ma queste due, carota e radicchio, non me le voglio proprio perdere.

    eccezionali astro, ho l’aiuolina in bocca!

  5. Grazie del link…mi si è aperto un mondo! Ma nella ricetta finita ogni sale dà realmente un contributo di sapore diverso dall’altro?…

  6. aldarita – ehh non de solo ciacole se vive ;-))certo che ci sarà… appena torno ci mettiamo d’accordo per benino, bacio.

    manu e silvia – e allora si fanno tutte e due…e poi si sceglie, baci

    Virò – il sale rosso è quello delle hawaii, ora ti metto un link nel post…..la polvere d’arancia invece è la buccia di arance biologiche essicata e frullata a polvere.

    Lo – quello che nuota non è nelle tue corde….tu immagino, gnam gnam solo con le salsine, vero? ;-))

    Aiuolik – provare provare, potrebbe piacere ;-))

    Mirtilla – sono d’accordo…;-))

    katty – grazie della visita, benvenuta!

    MammainCina – speriamo bene…sono contenta se funziona anche con princi e anziano, bacioni!

    Giò – grazieeee!

  7. fra queste due salse non sappiamo quale ci piace di più: sono entrambe particolari, gustose e perfette per un pesce delicato come la seppia!
    baci baci

  8. Questa è proprio fantastica, me la devo segnare perchè mi intriga parecchio. E così, oltre a trovare il tempo di “ciacolar”, hai anche il tempo “de far da magnar”. Quanta invidia!!! Ma ci sarà un’altra occasione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.