semifreddo afther-eight cioccolato fondente e menta

Sabato eravamo invitati ad un barbecue, la serata era ventilata e splendida abbiamo mangiato della buona carne e una caponatina siciliana doc…io ho portato questo dessert. Non volevo cuocere niente…..non volevo usare le uova crude…e ridurre in qualche modo le calorie….ho pensato a questo semifreddo….quindi pensando a questo ho anche comprato i prodotti seguendo l ‘idea che mi frullava in testa, ma inventandolo così al momento ci poteva scappare un imprevisto e magari non sapere come risolverlo….timore concretizzato…… e infatti eccolo là che mi aspetta al varco….il dessert, pur se sistemato una volta finito, nel freezer, volevo che rimanesse soft e quindi ho pensato di mettere dei fogli di gelatina, peccato averne solo due…..ora di vestirmi e correre al super non mi passava manco per la capa!!! Mi ricordo di avere dell’agar agar…. che però non ho idea di come si usa. Leggo e seguo le istruzioni, mi parlano di 4 / 6 grammi….va bè li peso ad occhio. Non ho bilance che lo possono fare. Insomma il dessert s’ha da fare e quindi……. vvvia al lavoro…….e tutto è bene quel che finisce bene.
Dimenticavo….questo semifreddo partecipa alla raccolta- gelati di Stefania

Ingredienti :
per il primo strato bianco : 100 gr. di ricotta, 100 gr. di philadelfia, 100 gr. di yogurt greco bello compatto, se non lo trovate potete farlo voi come spiegato per il formaggio light senza però l’aggiunta del sale, ( fatto scolare per alcune ore in un colino), 15 amaretti sbriciolati, 150 gr. di panna montata ( vi consiglio 200 gr. sarà più alto e si noterà maggiormente), 3 cucchiai scarsi di zucchero a velo.

per il secondo strato di cioccolato fondente : 100 gr. di fondente al 70% al 39,4 di grassi e 115 gr. di acqua. Ve ne consiglio 200 gr. per farne un livello più spesso.I grammi dell’acqua in pratica si trovano moltiplicando per tre la percentuale dei grassi del cioccolato.( aggiustando per difetto)

per il terzo strato alla menta : 100 gr. di ricotta, 100 gr. di philadelfia, 100 gr. di yogurt greco oppure di formaggio light (vedi sopra), 200 gr. di panna montata, 3 cucchiai di zucchero a velo, circa 15 cucchiai di sciroppo alla menta della Fabbri, gocce di cioccolato a piacere.

Preparazione del primo strato: amalgamare bene i formaggi con lo zucchero e montare la panna aggiungendola delicatamente, sbriciolare gli amaretti per aggiungerli al composto. Qui ho messo anche i due fogli di gelatina che avevo, prima ammollati e poi sciolto in un po’ di acqua tiepida. Rigirato bene l’insieme, ho steso della pellicola nella tortiera a cerniera, sistemato il composto livellandolo e messo in freezer.

Preparazione del secondo strato : ho seguito le spiegazioni scientifiche, ma per me magiche, di Dario Bressanini e seppur scettica sulle mie performance, ho sgranato tanto di occhi quando mi son vista questo bel cioccolato diventato crema, semplicemente sbattendo con le fruste per circa 10 minuti l’acqua e il cioccolato precedentemente fuso, mettendo la ciotola del cioccolato come fosse a bagnomaria ma con dell’acqua fredda di frigorifero. Provare per credere!! Stendere sul primo strato e rimettere in freezer.

Preparazione del terzo strato : procedere come per il primo strato ( senza gli amaretti). Ora veniamo all’agar agar….allora io ne ho usato la punta di un cucchiaino per cinque volte sciolto in 30 ml. di acqua che ho portato a bollore per 3 minuti, ho lasciato intiepidire e l’ho aggiunto un cucchiaio alla volta al composto rigirando bene ogni volta, ho aggiunto allo stesso modo i cucchiai di sciroppo (uno alla volta), amalgamando bene prima di aggiungere il successivo. Ho versato le gocce di cioccolato e steso sul secondo strato, rimesso in freezer, lasciandovelo fino al momento di servirlo. Il mio vi è rimasto circa sei ore, e al momento di tagliarlo si è affettato bene senza problemi, sostenuto ma con la giusta resistenza alla lama, tipica del semifreddo. Bene è ANDATA ANCHE QUESTA!!

Please follow and like us:

23 thoughts on “semifreddo afther-eight cioccolato fondente e menta

  1. Pingback: labne aromatico
  2. NIGHTFAIRY – oplààà …lanciata 😉

    pagnottella – oui….est bon bon bon

    Dada – bun rinfresco 😉

    Anicestellato – grazie, troooooppo gentile 😉

    Artemisia – studia studia…tu impari in frettissima.

    Virò – hai visto che ti ho fatto cambiare idea? allora…dopo le mie 6 ore sì…il giorno dopo quindi 24 ore circa, una volta tolto dal freezer,per quella fetta della foto, ho atteso circa 10 minuti per infilare la forchetta….nooo non ti devo ascoltare me li mangerei quasi totalmente io…guaiiii!!!

    elisabetta – ahhh ma quale onore far sbavare te ;-))

    sciopina – nooo sciopììì, non infrangere i miei sogni con questa domanda….^______^

    Carla – ma grazieee di questa informazione, io non riuscivo a capirci molto…per il cioccolato hai capito perfettamente, lui dice di mettere nel ghiaccio, ma io ho usato una bottiglia d'acqua, che avevo messo in frigo, ben raffreddata.

    Saretta – ehiii non mi svenire proprio nel mio blog….torna nel tuo prima ;-))

  3. Ciao astro!
    Anche'io con il barbecue ma terminato con un altro dolcetto ma sempre con l'agar agar…che sto provando ultimamente e di solito quando dicono 5/6 grammi si intende un cucchiaino…almeno da quello che ho letto in un libro 🙂

    Il tuo semifreddo deve essere venuto buonissimo! Ma spiegami un po' questa cosa del cioccolato con l'acqua? Devo frullare con le fruste il cioccolato con dell'acqua in una ciotola a bagnomaria ma non con dell'acqua calda ma fredda? wow non lo sapevo ma d'altronde Dario Bressani è un mito! Proverò di sicuro 🙂

  4. Ho sempre immaginato i chimici come dei noiosi di prima categoria ma mi sa che devo ricredermi…mi sono letta il link di Bressanini con un piacere immenso!

    Ma anche dopo diverse ore di freezer la mousse al cioccolato del suddetto è rimasta morbida?

    Il connubio stile After-eight è decisamente estivo e festoso: perchè non ti occupi di dolci moolto più spesso?
    (Tu non sei golosa ma io sì!…)

  5. elga – trovi decisamente bene 😉

    Gunther – una buona scelta di gusto.
    …Bressanini è davvero strepitoso.

    lenny – brava, libera la dispensa e fai maga magò seguendo Bressanini

    stellina – ma ciaooo, sentivo la mancanza della luce stellare, ben ritrovata….se eri nei paraggi ti toglievo volentieri la voglia, bacio!

    Giò – …ma mi par di capire anche da grande 😉

    cri – ehh pazientare ancora un po'……..poi ci andiamo a fare qualche incursione barbara da bonvicini e da flego…;-))

    babi – vedo che mi hai letto nel pensiero…quella era l'ispirazione 😉

    Milù – scelta condivisa a quanto pare, buona domenica anche a te.

  6. Menta e cioccolato sono un bel connubio, e finire una cena con un semifreddo è sempre un'ottima scelta.
    Un abbraccio, buon weekend

  7. eccheccavoli, dev'essere fantastico!
    QUando potrò abbuffarmi di latticini me ne prepari uno piccino picciò tutto per me???

  8. Mi è venuta voglia di barbecue e di semfreddo … ne sai qualcosa? 🙂
    Cioccolato e menta sono irresistibili!!!
    Buon WE

  9. Mi piace il connubio di cioccolato e menta e soprattuto la veste di semifreddo.
    Leggendo l'esecuzione mi sono ricordata che ho del cioccolato da consumare e la mousse di Bressanini è da tempo che volevo provarla, ma poi l'idea è caduta nel dimenticatoio.
    Vorrei provare anch'io l'agar agar e da come spieghi tu deve essere semplice da utilizzare :-))

  10. trovo che finire una cena barbecue con un buon semifreddo sia la scelta giusta: Poi io aodro menta e cioccolato, specie se in versione fredda!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.