WHB #261- barbabietola rossa sottaceto al rosmarino

Brii ha finalmente rimesso in moto il suo blog dopo un’assenza prolungata dovuta a un momento di preferenze alternative del tipo come fare il pelo e il contropelo al monte Baldo, portando tedeschi e svedesi a zompettare tra le mucche salendo e scendendo sentieri  con la scusa di poter conoscere da prospettive diverse i vari panorami del lago più bello d’italia di cui è talmente convinta,e non a torto a dir il vero, che gli stessi si ripromettono di tornare appena possibile per scoprire altri sentieri con la promessa che comunque sarà lei a guidarli.

Conoscendola dal vivo so per certo che in realtà non sono loro a decidere autonomamente di ritornare, infatti le loro menti saranno rimpinzate di chiacchere Briiose ^____^ tanto da essere così frastornati da ritornare con convinzione a  sfaticare per raggiungere vette e rifugi alla stessa stregua che farsi un giro in centro a fare shopping……..comunque scherzi a parte, se vi trovate nei dintorni del lago di Garda e siete amanti di sentieri montani con viste mozzafiato, ora sapete chi contattare.

Le barbabietole rosse dette anche rape rosse pur essendo 2 diverse specie, sono comunemente scambiate tra loro (non ne conosco il motivo). Le informazioni che vi passo sono solo delle mie semplici osservazioni, quindi possibili di aggiornamento nel caso voi aveste qualcosa da aggiungere.

Le rape sono tondeggianti e possono essere bianche, nere, violette, e di dimensioni diverse, mentre le barbabietole rosse, sono solo rosse e grossomodo di dimensioni medie o poco più.

Dal sapore più “dolce” rispetto alle rape che invece hanno un sapore più forte e che si avvicina al rafano. Delle rape io ho assaggiato le violette e non mi son piaciute, delle altre varietà ancora non ho storia da raccontarvi.
Delle barbabietole invece ne ho fatto diversi versioni e mi son piaciute tutte ma le potrei mettere in ordine di  gradimento in questo modo –
1 insalata con rape rosse al cartoccio – 10
2 fiori e colori nel piatto                   – 10
3 rostì di rapa rossa                        –  9
4 risotto cremoso rosso e bianco       –  9
5 tortino di rapa rossa                       –  7      l’unico appunto che farei non è sul
sapore ma sul fatto che  il tortino
rimane molto umido e forse
bisognerebbe aggiungere 1 o 2
uova per renderlo più consistente.
Oggi ve le presento nella versione sottaceto e aromatizzate al rosmarino. Un’ alternativa ai più classici cetriolini che ben si abbinano ai salumi o ai formaggi
con il vantaggio che possiamo presentare una variante colorata e fatta in casa.

 

Ingredienti per le barbabietole arrosto aromatizzate: tre barbabietole rosse (medie), 2 rametti di rosmarino, due cipollotti rossi o bianchi, 2 cucchiai di olio, un foglio d’alluminio.

Ingredienti per il sottaceto :1 cipolla rossa tropea, 1 cucchiaino di sale, 100 ml. aceto di vino rosso, 60 gr. di zucchero, 120 ml. di acqua, un vasetto vuoto e sterilizzato da 250 gr.

Preparazione : mettere le barbabietole una volta pelate, in un foglio d’alluminio con il rosmarino, i due cipollotti e l’olio, chiudere a cartoccio e infornare a 200 gradi per 30 minuti.
Togliere dal forno e lasciare raffreddare, tagliare le barbabietole a fette spesse 1/2 cm. o meno, inserirle nel vasetto da 250 gr. alternandole a fette sottili di cipolla rossa e continuare fino a esaurire gli ingredienti, se ve ne rimanesse sono già buone così arrostite e ne potete fare uno spuntino ^____^

Fate bollire il resto degli ingredienti per il sottaceto e versate il liquido bollente sulle barbabietole, chiudete e lasciate riposare dai 3 ai 6 giorni prima di servire. Al momento potete decidere se presentarle naturali o condire con un filo d’olio e un finissimo trito di rosmarino o semplicemente unirle a tocchetti  a qualche insalata.

 

12 thoughts on “WHB #261- barbabietola rossa sottaceto al rosmarino

  1. Barbara – brava, vai a vedere e informati 😉

    Brii – vengo a curiosare la raccolta, baciuzzzzzz

    dario – chissà, magari diventano fra le tue preferite ^____^

    Terry – e pensare che le conoscevo solo in busta…..;-) ora mai più, solo fresche……..vai vai a sbirciare, è interessante.

    Aiuolik – adesso non hai scuse, puoi anche scegliere tra varie possibilità ……..che vuoi di più dalle rape ^______^

  2. L'ultima volta che ho comprato le rape rosse non volevo mangiarle così com'erano…alla fine pensa che ti ripensa non ho preparato niente di particolarmente interessante…magari però potrei seguire la tua ricetta la prossima volta!

    Ciaooo

  3. Sonia – ma dai, io non sapevo nemmeno ci fossero al super ^_____^

    Sara – potrebbero piacerti anche così, puoi sempre ridurre di un po' l'aceto se la preferisci meno forte, ciao!

    Simona – dai fai una prova, magari ne fai una variante 😉

    Brii – dico dico, ne sono certa ;-))) ciao belessss

    Alessandra – quelle impacchettate non le prendo più da quando ho assaggiato quelle fresche, e le trovo dal fruttivendolo…..a dir il vero non vado quasi più nemmeno al super, ciao verrò a trovarti ancora 😉

  4. Ciao, e grazie per la visita 🙂

    Mi piace la tua ricetta, di solito pianto le barbabietole rosse, ma quest'anno non ho ancora fatto in tempo, ma almeno qui in Nuova Zelanda si trovano facilmente dai fruttivendoli (non come in Italia dove spesso si trovano gia' cotte ed impacchettate).

    Dove le hai trovate le tue?

    ciao
    Alessandra

  5. tu dici che sia così? mi sa che hai ragione!!
    hahahha

    ricetta perfetta!
    a me quelle violette piacciono da matti crudi in insalata, danno una nota fresca e piccante.
    anche barbabietole crude mi piacciono da morire, hanno un sapore di "terra" forte che si sposa perfettamente con le arance p.es.

    grazie marta di aver participato.
    baciusssss

  6. Idea molto carina. Ho un paio di barbabietole rosse che ho preso al mercato e ancora non ho deciso che cosa farci. Mi piace l'idea di metterle in vasetto.

  7. maddai che meraviglia!! io la barbabietola l'ho mangiata una sola volta e mi è piaciuta assai 😛 devono essere deliziose in questa versione sottaceto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.